menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapina gioielleria Donato, arrestato il quinto componente della banda

Manolo Francisco Diaz Manyari, di anni 32, con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, è stato arrestato a Racconigi (Cn). Il malvivente è stato riconosciuto dal gioielliere come la persona che l'ha preso a calci in faccia

Lunedì 30 settembre, alle ore 13 circa a Racconigi (Cn), la polizia di Stato ha proceduto al fermo di indiziato di delitto di una persona ritenuta il quinto componente del gruppo criminale che il 4 settembre scorso ha assaltato la gioielleria Donato di corso Martinetti a Sampierdarena e procurato gravi lesioni ai titolari.

Già il 25 settembre scorso a Milano la polizia di Stato aveva posti in stato di fermo di indiziato di delitto quattro cittadini cileni: Cesar Antonio Silva Nunez di anni 25, Richard Antonio Bahamondes Vejar, 31 anni, Margarita Ingrid Ulluoa Oyarzun, cilena di anni 44, Paulo Pena Felipe Echeverria, 20 anni.

L’uomo fermato in provincia di Cuneo è stato identificato per Manolo Francisco Diaz Manyari, di anni 32, con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio.

Lo stesso, oltre ad aver effettuato un sopralluogo nella gioielleria chiedendo di visionare un gioiello poco prima dell’aggressione alla moglie del titolare, è stato riconosciuto dal gioielliere come la persona che ha violentemente infierito su di lui colpendolo con calci al volto.

Diaz Manyari, domiciliato a Rho (MI), dopo il fermo dei complici, ha cercato di far perdere le proprie tracce tentando di rifugiarsi da alcuni parenti della sua compagna a Racconigi ove è stato bloccato da personale della squadra mobile di Genova e Cuneo.

All'uomo, inoltre, è stata notificata un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Monza il 16 aprile 2012 per una rapina aggravata commessa a Monza ai danni di un tabaccaio il 12 gennaio 2012.

In quella circostanza il Diaz, insieme a un complice, aveva aggredito la titolare di una tabaccheria mentre stava rincasando, rapinandola di dieci mila euro, provento dell’incasso dell’esercizio.

Manolo Francisco Diaz Manyari è stato trasferito presso il carcere di Cuneo e deve rispondere di rapina aggravata in concorso e lesioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Coronavirus

Coronavirus: altri 15 decessi, il più giovane aveva 61 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento