menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Notte da incubo a Marassi: barista picchiata, legata e rapinata

La donna, titolare di un bar poco distante dalla stadio, ha raccontato di essere stata aggredita alle spalle da due rapinatori che l'hanno presa a pugni e calci e poi chiusa in un ripostiglio. A trovarla il marito

Notte di terrore per la titolare di un bar di via del Piano, a Marassi, che nella notte tra giovedì e venerdì è stata aggredita da due rapinatori che l’hanno picchiata, legata e chiusa in un ripostiglio prima di darsi alla fuga con l’incasso della giornata.

A dare l’allarme è stato il marito della donna, che intorno alle due, non vedendola rientrare a casa e non ricevendo risposta al telefono si è preoccupato ed è andato a controllare: al suo arrivo ha trovato il bar ancora aperto, ma deserto, ha iniziato a cercare la moglie e l’ha trovato nello sgabuzzino, con le mani legate e ferita.

La donna non è riuscita a raccontare granché, complice la rapidità dell'aggressione e il fatto che i due uomini avessero il volto parzialmente coperto, forse da una sciarpa: nella testimonianza rilasciata agli agenti della Squadra Mobile, cui sono state affidate le indagini dopo l’intervento immediato di una volante, ha spiegato che intorno a mezzanotte, mentre stava finendo le pulizie nel bar, due uomini sono entrati e l’hanno aggredita alle spalle, sferrandole un pugno al volto e un calcio prima di trascinarla nel ripostiglio. Qui i due banditi l’hanno legata, minacciata per costringerla al silenzio e l’hanno chiusa dentro mentre passavano al setaccio il bar alla ricerca di denaro.

Il bottino con cui i due aggressori sono fuggiti (sembrerebbe a bordo di uno scooter) è di circa 500 euro, tra l’incasso e i soldi che la donna aveva in borsa. A trovare la vittima è stato, come detto, il marito, che intorno alle 2, non avendo avuto notizie dalla moglie, si è precipitato al bar trovandosi davanti una scena da incubo. 

La donna, pur dolorante e sotto choc, non ha voluto essere accompagnata in ospedale e ha subito raccontato agli investigatori tutto ciò che ricordava. La Mobile del nuovo dirigente Marco Calì ha avviato le indagini, effettuando il sopralluogo con la Scientifica e acquisendo i filmati delle videocamere di sorveglianza della zona per tentare di individuare i due banditi.

Il sospetto è che conoscessero la vittima, o comunque abbiano tenuto d’occhio il bar, molto frequentato dai tifosi vista la vicinanza con lo stadio, per carpirne le abitudini: tra marito e moglie è sempre quest’ultima a trattenersi dopo la chiusura per fare le pulizie, e gli aggressori sembravano certi di trovare soltanto lei nei locale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento