Sampierdarena, ubriachi devastano un locale e minacciano di morte il proprietario

Cinque persone sono state arrestate dalla polizia, che le ha trovate sedute a un tavolino di un bar a bere birra. Poco prima avevano minacciato di morte con un coltello un commerciante

La polizia ha arrestato cinque cittadini ecuadoriani di età compresa fra i 24 e i 40 anni per il reato di tentata rapina. Intorno alle 7 di sabato 4 luglio 2020 i cinque, completamente ubriachi, si sono accorti che la serranda di un esercizio commerciale di via Monti a Sampierdarena era priva del lucchetto.

Così hanno iniziato a bussare per chiedere al gestore, che si trovata all'interno, di avere alcune birre. Al rifiuto dell'uomo, motivato dal divieto di somministrare bevande alcoliche fuori dall'orario consentito, il branco ha reagito con violenza: i cinque sono entrati nel locale, prendendo a calci la porta a vetri, per poi scardinarla. Poi hanno iniziato a sbattere con forza tavoli e sedie contro il bancone e le pareti.

Al proprietario del locale, che cercava invano di fermarli, hanno sferrato due pugni al volto, minacciandolo di morte con un coltello, rompendogli anche il telefono in modo che non potesse chiamare i soccorsi. Dopo la devastazione, i cinque si sono allontanati per raggiungere un bar vicino, dove sono stati trovati dai poliziotti mentre bevevano birra seduti a un tavolino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • È arrivata la neve: le foto

  • Antiche tradizioni: cos'è il "ragno genovese"?

  • Covid, Toti propone la "zona bianca”. E sul Natale: «Più libertà e qualche sacrificio dopo»

Torna su
GenovaToday è in caricamento