menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Troppe risse, il sindaco di Rapallo chiude la mensa dei poveri

Dopo l'ennesimo episodio di violenza tra alcuni senzatetto che frequentano la basilica dei santi Gervasio e Protasio, Carlo Bagnasco ha sospendere temporaneamente il servizio

Troppe risse ed episodi di violenza, e il Comune di Rapallo decide di chiudere, almeno temporaneamente, la mensa dei poveri della basilica dei Santi Gervasio e Protasio. Scatenando la polemica tra chi si dice d’accordo con il provvedimento, in un’ottica di sicurezza, e chi invece lo ritiene eccessivo e “poco cristiano”.

La chiusura è stata disposta dal sindaco Carlo Bagnasco in una riunione con il vicesindaco e assessore ai Servizi Sociali, Giorgio Brigati, don Stefano Curotto, responsabile della mensa, e le forze dell’ordine cittadine dopo le zuffe tra senzatetto che si sono verificate lunedì e mercoledì scorsi in piazza Canessa, che hanno anche portato alla denuncia di due persone

Questioni di sicurezza, ha spiegato il sindaco, che in precedenza aveva già previsto per i più “turbolenti” l’allontanamento dalla mensa e che alla luce dei nuovi episodi ha scelto una misura più drastica. E cioè la chiusura, che dovrebbe durare il tempo necessario a elaborare una strategia in grado di tutelare non soltanto di chi frequenta la mensa e ci lavora, ma anche i cittadini. Ma sono in tanti a chiedere che la mensa venga riaperta, soprattutto alla luce dei tanti anziani e delle persone in difficoltà che vi si rivolgono per avere un pasto caldo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caos autostrade: code anche in serata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento