Da Rapallo a Camogli, multe e denunce per abbandono di rifiuti e abusi edilizi

Tre persone sono state denunciate per abbandono e gestione illecita dei rifiuti in aree tutelate e per avere aperto cantieri senza le autorizzazioni necessarie

Tre persone sono state denunciate dai carabinieri Forestali a vario titolo per abbandono e gestione illecita dei rifiuti in aree tutelate e per avere aperto cantieri senza le autorizzazioni necessarie

Si tratta di un uomo di 55 anni che a Rapallo ha allestito in un’area privata una sorta di deposito di rifiuti speciali senza l’autorizzazione da parte della Città Metropolitana e l’iscrizione all’Albo nazionale dei gestori ambientali: il rischio, per chi viene sorpreso in questi casi, è un arresto da 6 mesi a 2 anni e multe da 2.600 a 26mila euro, insieme con l’obbligo di bonificare l’area.

A Camogli, invece, i proprietari di un terreno che si trova in area sottoposta a tutela, sono state segnalati per avere eseguito lavori per realizzare un piazzale senza autorizzazione. Si tratta del titolare di un’impresa edile e di un professionista, cui il Comune di Camogli ha sospeso qualsiasi tipo di attività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Neve e ghiaccio in autostrada: scattano blocchi e chiusure, la situazione traffico

  • Il proverbio di Santa Bibiana, che "prevede" il meteo

  • A 116 km orari in corso Europa: patente ritirata e maxi multa

  • È arrivata la neve: le foto

  • Covid, morto lo psichiatra Gian Luigi Rocco. Il figlio: «Mio padre non c’è più, ma là fuori c’è chi si lamenta perché farà il Natale da solo»

Torna su
GenovaToday è in caricamento