menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vende online anfore antiche, 25enne nei guai

La polizia ha denunciato un giovane di Rapallo che non ha saputo giustificare il possesso di due reperti di interesse storico-culturale

Un 25enne di Rapallo è finito nei guai dopo aver messo in vendita su internet alcune anfore antiche. I poliziotti del Commissariato di Rapallo, in collaborazione con il Distaccamento Nautico del Commissariato di Alassio, l'hanno infatti denunciato per il reato di ricettazione e per impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato.

L’operazione ha avuto origine da un annuncio, corredato di foto e pubblicato su un noto sito di compravendita on-line, che proponeva la vendita di due anfore marine antiche al prezzo di 1.500 euro, indicando la città di Rapallo quale luogo di detenzione della merce in vendita.

È stato proprio l’intuito di un poliziotto del Distaccamento Nautico che, leggendo l’annuncio, ha compreso che si potevano trattare di due reperti sottoposti a tutela, trafugati dai siti sommersi di particolare interesse archeologico, protetti dallo Stato. Dopo un breve ma minuziosa indagine, gli agenti sono riusciti a risalire all’inserzionista, presso la cui abitazione sono state trovate e sequestrate le due anfore.

Il 25enne, non avendo mostrato alcun tipo di documentazione che lo legittimasse al possesso dei reperti, ritenuti presumibilmente originali e di interesse storico-culturale, pertanto sottoposti alla tutela dello Stato, è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo, parla l'esperto: «Ecco come mai stavolta il fenomeno è così intenso»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento