Quinto, trovato morto il giovane scomparso in mare

Venerdì sono stati salvati un altro giovane e un bagnino, che si era tuffato in mare per aiutare i due, in balia delle onde

Sono riprese poco prima delle 6 di oggi, sabato 6 giugno 2020, le ricerche del ventenne disperso in mare dal pomeriggio di ieri nello specchio acqueo antistante la spiaggia di Murcarolo a Quinto. Sul posto sono intervenuti due gommoni della guardia costiera, una motovedetta dei vigili del fuoco e l'elicottero.

Intorno alle 9 il corpo, privo di vita, di Zakaria Es-Sarsari è stato trovato dai sommozzatori sul fondo del mare. A quel punto i vigili del fuoco hanno avvisato il magistrato di turno, come da procedura. 

Ieri il giovane stava facendo il bagno con un amico, anch'egli di Novi Ligure, quando i due hanno avuto difficoltà a tornare a riva. In loro soccorso si sono tuffati altri bagnanti, fra cui un giovane bagnino. Quest'ultimo è riuscito ad aiutare uno dei due giovani e poi, insieme a questo, è stato tratto in salvo, l'uno dall'elicottero e l'altro da una motovedetta. I due sono stati portati in ospedale e le loro condizioni non destano particolare preoccupazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dell'altro giovane invece si sono perse le tracce. Le ricerche si sono interrotte con il buio e sono riprese questa mattina con le prime luci dell'alba. l corpo è stato individuato in sostanziale corrispondenza con il punto di ultima segnalazione in superficie.

I sommozzatori dei Vigili del Fuoco, sulla base della loro esperienza, consigliano a tutti i bagnanti che in futuro dovessero trovarsi in difficoltà in condizioni analoghe, di non sprecare energie preziose per cercare di rientrare a riva, soprattutto su spiagge di limitata dimensione con il rischio di finire sugli scogli. Nella certezza dell'attivazione dei soccorsi, limitarsi a mantenere il galleggiamento e la distanza dalla costa e attendere l'arrivo dei mezzi di soccorso. Ovviamente vi è l'invito alla prudenza e a una sincera autovalutazione delle propria capacità di affrontare le condizioni di mare che si presentano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accensione riscadamento 2020: a Genova i termosifoni si accendono dal 14 ottobre

  • Coronavirus: chiusi h24 e sale giochi in tutta la città, i provvedimenti per le zone "rosse"

  • Coronavirus, in arrivo la nuova ordinanza per Genova

  • Covid: i confini delle nuove "zone rosse" di Genova, strada per strada, e cosa è vietato fare

  • Coronavirus e ipotesi lockdown, Bassetti: «Coprifuoco opportuno per Genova, Milano e Roma»

  • Coronavirus: in arrivo un nuovo Dpcm, sembra escluso il 'coprifuoco'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento