menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quezzi, la "carica dei cinghiali" in via Edera. E sale la preoccupazione

Una "mandria" di 10 ungulati è stata avvistata nelle vie del quartiere, intenta a cercare cibo. E mentre in consiglio comunale si dibatte sulle competenze, i residenti sono sempre più in apprensione

Ennesima incursione dei cinghiali nel quartiere genovese di Quezzi, dove nella serata di mercoledì è stata avvistata una “mandria” che attraversava di corsa via Edera.

Tra adulti e cuccioli, in totale sono stati almeno 10 gli ungulati scesi in gruppo dalle alture in cerca di cibo, osservati con timore e preoccupazione dai residenti della zona, che si sono affacciati alla finestra per vederli passare. E la preoccupazione va soprattutto a chi potrebbe incrociare la loro strada, e ad automobilisti e scooteristi che potrebbero ritrovarseli davanti all’improvviso.

Le “spedizioni” a caccia di cibo da parte dei cinghiali sono ormai diventate una costante in varie zone della città, non soltanto a Quezzi e a San Fruttuoso, da dove la scorsa settimana si sono spinti sino alla Foce e in Albaro, ma anche a Staglieno e sulle alture di Sampierdarena. E la situazione ormai «insostenibile», come è stata definita dallo stesso assessore all’Ambiente, Italo Porcile, è stata affrontata anche in consiglio comunale, non senza qualche polemica: il problema, ha sottolineato Porcile, sta tutto nelle competenze. Che per la gestione dell’emergenza, e del singolo episodio, sono del Comune, mentre a livello generale e di prevenzione rimangono alla Regione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, da lunedì tutta la Liguria in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento