Lunedì, 22 Luglio 2024
Cronaca Centro / Piazza Raffaele de Ferrari

Balneari in piazza a Genova per dire 'no' alla Bolkestein

Bandiere nere, giubbotti rossi di salvataggio e striscioni per protestare nel centro della città

Bandiere nere e giubbotti rossi di salvataggio per dire 'no' alla Bolkestein. Così i balneari sono scesi in piazza oggi, lunedì 14 marzo, a Genova, per la protesta in piazza De Ferrari. Sugli striscioni "No alle aste" è il messaggio forte e chiaro dei rappresentanti liguri e toscani dei gestori degli stabilimenti, riuniti nel capoluogo ligure.

Un presidio, voluto da alcune sigle sindacali e a cui ha partecipato anche una delegazione dalla Toscana, organizzato nell'ultimo giorno in cui è possibile presentare emendamenti al ddl Concorrenza, sulla cui conversione interverrà il governo per la riforma delle concessioni demaniali.

In piazza, con i balneari, anche alcuni politici e rappresentanti delle istituzioni come l'assessore regionale al Demanio, Marco Scajola, che ha "ribadito la massima vicinanza di Regione Liguria al comparto balneare e l’impegno concreto di tutte le regioni per fare in modo che il governo comprenda le istanze e apra un tavolo di confronto con le associazioni e con gli enti locali per condividere un percorso che non penalizzi chi ha investito e lavorato con fatica e serietà per la crescita del turismo balenare".

Appena qualche giorno fa, alla manifestazione nazionale a Roma, erano scesi in piazza anche oltre 400 balneari liguri, accorsi con pullman, van e mezzi privati. Nel mirino, il fatto che vengano messe in discussione le condizioni minime di tutela richieste dai balneari per chi fa questo lavoro da anni, investendo denari propri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Balneari in piazza a Genova per dire 'no' alla Bolkestein
GenovaToday è in caricamento