menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crea un finto profilo su facebook per riconquistarla, poi minaccia uno stupro

Un uomo di 42 anni è stato denunciato per procurato allarme. Con un sms rivolto alla ex fidanzata ha minacciato uno stupro, lei da Londra ha avvisato la polizia che, dopo numerose richieste, ha rintracciato il tossicodipendente

Genova - Il loro rapporto è in crisi e lei si trasferisce a Londra per un breve periodo. Lui, per non perdere i contatti, crea un nuovo profilo su facebook, fingendosi un’amica comune di vecchia data, dando vita ad una ritrovata amicizia in rete.

Nei messaggi l’uomo, che ora si fa chiamare Marta, induce la donna a parlare del suo rapporto con il ragazzo, cercando di persuaderla a sopportare i suoi comportamenti e a rimanere con lui. Ieri, sul cellulare della fidanzata l’uomo ha inviato dei messaggi allarmanti in cui fa intendere che è in procinto di perpetrare una violenza sessuale nei confronti della giovane figlia dell’amica virtuale.

In poco tempo la donna, da Londra, contatta la centrale operativa della polizia genovese e subito una volante si precipita presso l’indirizzo indicato dalla stessa, a Murta. Ad aprire la porta un’omonima e sconosciuta donna totalmente estranea alla vicenda.

A quel punto sorgono i primi dubbi e gli agenti si recano nell’abitazione dell’uomo in via N. Cambiaso, dove apprendono dai genitori che il figlio, un genovese di 42 anni tossicodipendente, è attualmente ospitato presso un dormitorio di via A. Garbino.


Nuovamente gli agenti montano in macchina e si precipitano presso il ricovero dove l’uomo viene effettivamente trovato all’interno di una camera, tranquillamente disteso su un letto. Interrogato, lo stesso ha dichiarato agli operatori di essersi inventato tutto, senza peraltro fornire alcuna giustificazione. Denunciato a piede libero per procurato allarme.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento