menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giovane borseggiatore arrestato in stazione a Principe

Gli agenti della Polfer hanno eseguito tre arresti. Oltre al ladro sono finiti in manette due albanesi, uno irregolare e l'altro colpito da ordinanza di custodia cautelare in carcere

Il collaudato dispositivo di prevenzione della polizia ferroviaria nelle stazioni genovesi, che alterna pattuglie in uniforme all'impiego di operatori in abiti civili, ha permesso l'arresto di tre persone e, in particolare di sventare un furto con destrezza, consumato ai danni di una ignara viaggiatrice, derubata del suo moderno smartphone.

Nei giorni scorsi, infatti, la sorte non è stata benevola con un giovane marocchino, colto in flagranza di reato con ancora tra le mani il piccolo gioiello tecnologico. Già al suo ingresso in stazione a Genova Principe era stato individuato dagli agenti della squadra di polizia giudiziaria e riconosciuto dagli stessi per recenti trascorsi giudiziari.

Immediatamente seguito con discrezione, sono apparse subito chiare le intenzioni dell'uomo che, con movenze tipiche di chi è avvezzo a vivere di simili espedienti, si è avvicinato a potenziali prede, in attesa di cogliere l'attimo e la persona giusta. Individuata la vittima e attratto dal nuovissimo smartphone, sicuro di sé, con abilità e velocità, se n'è impossessato, estraendolo dalla borsa, nonostante questa fosse tenuta stretta sotto braccio dalla giovane donna.

Ancora pregustando il ricavato del conseguito maltolto, è stato immediatamente riportato alla realtà e bloccato dagli operatori, che avevano assistito all'intera scena. Lo smartphone è stato restituito alla giovane vittima che, incredula, non si era accorta assolutamente di nulla.

È stato inoltre arrestato un albanese che, destinatario di un provvedimento di espulsione e di respingimento alla frontiera marittima di Bari, aveva fatto rientro nel territorio italiano. Infine è stato eseguito un ordine di carcerazione nei confronti di un connazionale per l'espiazione di oltre tre anni di reclusione per alcuni reati tra cui, il più grave, quello di violenza sessuale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, da lunedì tutta la Liguria in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento