Cronaca Principe / Piazza Acquaverde

Bomba nel cassonetto a Principe, attentato ripreso da una telecamera

Il cassonetto per la raccolta della plastica esploso a Principe è saltato in aria per via di una bomba. La procura ritiene si tratti di un attentato. Ma l'autore del gesto non ha fatto i conti con la telecamera posta proprio sopra la campana

Con il passare delle ore i primi sospetti sono diventati certezze: l'esplosione avvenuta ieri intorno alle 14.30 poco distante dalla stazione Principe e dal commissariato Pré è di matrice dolosa. Non si è trattato di un petardo o di una semplice bravata, ma di un gesto dimostrativo. Artificieri e agenti della scientifica hanno trovato una bomboletta con tracce di liquido esplosivo e un timer rudimentale.

Per gli investigatori della Digos «si tratta sicuramente di un gesto doloso, di un attentato» anche se «non è arrivata ancora alcuna rivendicazione», dice il procuratore Michele Di Lecce. La procura ha disposto il sequestro delle immagini della telecamera posta esattamente sopra i cassonetti, la stessa che trasmette anche su internet.

Ieri poco dopo l'esplosione, il dispositivo è rimasto per qualche minuto non disponibile on line e oggi è rivolto verso la stazione, dalla parte opposta rispetto al cassonetto. Questo per dire che chi ha agito probabilmente non si è accorto della presenza della telecamera. Forse una semplice disattenzione oppure un'ingenuità dovuta alla scarsa esperienza in fatto di attentati.

IL VIDEO DELL'ESPLOSIONE

«Nei prossimi giorni - ha spiegato il procuratore capo Michele Di Lecce - apriremo un fascicolo per danneggiamento. Ma le indagini sono a tutto campo. Non escludiamo alcuna ipotesi». Nel frattempo gli inquirenti stanno analizzando le immagini della telecamera, perlomeno fino al momento dell'ultimo svuotamento del cassonetto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bomba nel cassonetto a Principe, attentato ripreso da una telecamera

GenovaToday è in caricamento