La 'movida' violenta di Priaruggia, residente aggredito da ragazzini ubriachi

È successo ai primi di giugno. La vicenda è finita prima in consiglio municipale e poi in sala Rossa a Tursi. Maria Tini del Movimento 5 stelle ha chiesto alla giunta se intende intervenire con maggiori controlli nella zona

Priaruggia in festa

Aggredito da un gruppo di ragazzini ubriachi, che tentavano di abbattere un semaforo. È successo il 3 giugno 2020 a Priaruggia, fra via Quarto e via Rossetti. Vittima un residente, che era sceso in strata per evitare che venisse danneggiato un bene pubblico. La scena è stata ripresa con uno smartphone e il video è finito sui social.

La vicenda è stata portata all'attenzione del consiglio comunale con un'interpellanza, presentata oggi da Maria Tini del Movimento 5 stelle. La consigliera ha nominato un locale della zona, che raduna tutte le sere molti giovani, sottolineando anche il fatto che all'interno ci sia le cosiddette 'macchinette' per giocare e nei dintorni ben tre bancomat.

L'interpellanza è stata presentata per sapere se è intenzione della Civica Amministrazione:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  • attivarsi presso le Forze dell’Ordine affinché nella zona in oggetto vi sia un costante controllo per garantire la sicurezza pubblica, soprattutto nelle fasce orarie serali e notturne del weekend, unito ad un'informativa al Questore sulla situazione critica che da anni si verifica nella zona in oggetto;
  • far rispettare e monitorare il divieto di vendita degli alcolici ai minori come previsto dalla legge n. 48 del 18 aprile 2017;
  • emettere un’ordinanza che disponga il divieto della vendita di bevande in bottiglie di vetro ma bensì con un sistema di 'bicchiere a rendere'.

La risposta dell'assessore Garassino: «intanto noi ogni qualvolta vengono segnalate delle situazioni, cerchiamo con il nucleo della polizia locale di essere subito sul pezzo e informare il prefetto e il questore per le situazioni che possono essere a rischio. Per questo abbiamo intensificato i passaggi e l'idea di estendere il bicchiere a rendere la valuteremo con l'assessore Bordilli».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Covid, nuove regole in Liguria: alle superiori lezioni a casa a rotazione, "coprifuoco" in 4 zone di Genova

  • Covid, il coprifuoco per frenare il contagio: cosa succede nelle zone rosse. Ospedali in affanno

  • Dialetto curioso: "massacan", da dove deriva questa parola antichissima?

  • Non rispettano tempi di riposo, pioggia di multe per autisti di mezzi pesanti

  • Il postino di "C'è posta per te" arriva a Torriglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento