menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fallita la Preti, i dolci genovesi finiscono all'asta

Il tribunale fallimentare di Genova ha certificato l'insolvenza della storica azienda, che dovrebbe comunque continuare a produrre nella sede di sant'Olcese

La crisi mette a rischio un altro storico marchio di Genova: il tribunale ha pronunciato sentenza di fallimento per la Preti, l’antica azienda dolciaria la cui fabbrica con sede a Sant’Olcese dà lavoro a una ventina di persone che ogni giorno contribuiscono a sfornare delizie come il Sacripante, i biscotti del Legaccio e i canestrelli.

La sezione fallimentare ha rifiutato la richiesta di concordato preventivo presentata dall’avvocato dell’azienda, nominando un curatore cui è affidato il compito di preservare il lavoro dei 20 dipendenti e soprattutto lo storico marchio che sin dalla fondazione, datata 1851, ha portato i prodotti tipici della tradizione dolciaria genovese in tutto il mondo.

La fabbrica di Sant’Olcese continuerà comunque a produrre dolci, mentre sono al vaglio la soluzioni per evitare la chiusura: la strada percorribile al momento è quella di cedere parte dell’azienda, di modo che il potenziale acquirente possa acquistarla senza accollarsi i debiti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento