menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Premio fedeltà del cane: vince Mia, salvò intera palazzina da incendio

Si è svolta a San Rocco di Camogli la cinquantaduesima edizione del Premio Internazionale Fedeltà del Cane. A vincere è Mia, golden retriever che salvò a Livorno un'intera palazzina da un incendio

Si è tenuto questa mattina a San Rocco di Camogli la cinquantaduesima edizione del “Premio internazionale fedeltà del cane”. Tanti gli amici a quattro zampe in gara, tante le storie strappalacrime tra cui scegliere, ma tra tutte, a vincere l’ambito premio, è stata Mia, golden retrive di un anno e mezzo che abbaiando con tutte le proprie forze riuscì a svegliare il padrone che a sua volta, sentito l'odore del fumo chiamò i vigili del fuoco scongiurando l'esplosione in una palazzina a Livorno.

I fatti risalgono a giugno quando un uomo dette fuoco alla casa per suicidarsi. Al termine dell'intervento Mia "abbracciò" un pompiere.

Nel dettaglio ecco la storia di Mia

MIA, golden retriever di un anno e mezzo, ha salvato la vita dei padroni e quella di altre 5 famiglie. Abbaiando disperatamente, ha svegliato il padrone nel cuore della notte, salvando così un intero condominio dall’incendio e da una possibile esplosione. Livorno

Mia è una cucciolona dotata di un temperamento così dolce e tranquillo che i suoi padroni addirittura raccontano di non averla mai sentita abbaiare per nessun motivo, almeno fino a quel momento nel cuore di una notte di fine giugno. Intorno alle due, Mia che normalmente dorme ai piedi del letto dei padroni, in un palazzo di un quartiere popolare di Livorno, ha iniziato a ringhiare e ad abbaiare furiosamente.

Avendo percepito un imminente pericolo, con tutte le sue forze ha svegliato i padroni, che dapprima increduli cercavano di calmarla, ma che poi, vedendola correre avanti e indietro dalla camera all’ingresso, e grattare la porta con le zampe, si sono alzati dal letto. Una volta aperta la porta di casa il fumo proveniente dall’abitazione del vicino li ha avvolti. All’improvviso tutto era chiaro.

Il vicino, nel tentativo di compiere un gesto disperato, aveva appiccato il fuoco nella cucina e aperto il gas, con l’intento di far saltare in aria l’appartamento. In quei momenti di tensione altissima, il padrone di Mia, dopo aver chiamato i vigili del fuoco e le forze dell’ordine, ha pure cercato di farsi aprire la porta dal vicino. Intanto sopraggiungevano i pompieri che hanno sfondato la porta, messo in sicurezza la zona spegnendo il rogo e staccando luce e gas.

Il rischio dell’esplosione è stato altissimo, ma ormai il peggio era passato e nessuno ci aveva rimesso la vita.

Intorno alle 4 del mattino finiva, nel giardino condominiale, la notte di Mia, di nuovo tranquilla e giocosa come sempre, in mezzo ai vigili del fuoco, a tutti i condomini e ai tanti residenti della zona recatisi sul posto.

Quella terribile notte ha lasciato a molti dei presenti il ricordo di un’immagine bellissima: Mia che, scesa in strada, ha messo le zampe sul torace di un vigile del fuoco, come se avesse riconosciuto in quel pompiere un padrone acquisito o un amico da sempre. Monica Menicagli e Carolina (figlia) Livorno

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento