menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Truffatore della Postepay, tabaccherie nel mirino

Ieri pomeriggio, la polizia è intervenuta presso una tabaccheria in viale Bracelli a Marassi dopo che un uomo ha messo in atto una truffa ai danni della titolare, dandosi poi alla fuga

Ieri pomeriggio, la polizia è intervenuta presso una tabaccheria in viale Bracelli a Marassi dopo che un uomo ha messo in atto una truffa ai danni della titolare, dandosi poi alla fuga.

Il malvivente si è presentato intorno alle 14.30 nel negozio chiedendo di ricaricare la propria Postepay per una somma di 253 euro. Per effettuare l’operazione lo stesso ha presentato una tessera sanitaria intestata alla moglie, essendone lui sprovvisto.

Al momento del pagamento della cifra concordata, il finto cliente ha consegnato alla titolare una carta di credito che però, una volta strisciata sul lettore apposito, non ha permesso la transazione.

A questo punto l’uomo si è offerto di compilare un assegno, promettendo che il giorno successivo sarebbe ritornato a riprenderlo previo saldo del debito. L’esercente però, insospettita dal comportamento anomalo dell’uomo, fingendo di appartarsi per telefonare a un parente, ha contattato il 113 richiedendo l’intervento di una volante.

Il malfattore, sentendosi scoperto, con la scusa di andare a prendere del denaro dal proprio scooter è uscito dall’esercizio e, a gran velocità, è montato sul motociclo dandosi alla fuga.

La titolare della tabaccheria, nel tentativo di bloccarlo, si è attaccata al poggia schiena del mezzo rincorrendolo per qualche metro, fino a cadere in mezzo alla strada, procurandosi un’abrasione sul fianco.

Durante il pomeriggio il fuggitivo, un genovese di 34 anni con precedenti specifici, consapevole che i poliziotti avrebbero impiegato poco tempo a identificarlo e rintracciarlo, si è consegnato spontaneamente ai carabinieri di Pieve Ligure, confessando il reato commesso.

La centrale operativa, immediatamente informata, ha inviato una volante presso la stazione dei carabinieri per prelevare l’uomo e portarlo presso gli uffici della questura dove è stato denunciato per il reato di truffa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Genova c'è lo scalone a cui si ispirò Hitchcock per "Vertigo"

Coronavirus

Ristorante aperto: «Siamo una mensa», ma scattano le multe

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento