Cronaca

Autorità portuale, ipotesi Signorini per la presidenza

La poltrona numero uno del porto genovese è ancora vacante, ma si profila un accordo bipartizan

Paolo Emilio Signorini: è questo il nuovo nome per il porto di Genova, secondo le ultime indiscrezioni. Al momento si tratta solo di un'ipotesi ma i soliti beneinformati parlano di un accordo tra le parti in dirittura d'arrivo. Le parti in questione sono molte, ma riconducibili a due filoni: quello ligure e quello romano. Sul fronte locale c'è il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti mentre su quello nazionale il ministro dei Trasporti Graziano Delrio

Dopo le dimissioni di Luigi Merlo si è scatenata un'autentica battaglia navale, è il caso di dirlo, con in primo piano numerosi protagonisti della politica e soprattutto con molti nomi che poi sono stati bruciati a causa di veti incrociati. Signorini è l'ultimo in ordine di tempo e per il momento risulta una convergenza fra il governatore ligure e il Ministero dei trasporti. Proprio Signorini, che lunedì scorso ha partecipato in rappresentanza della Regione al comitato portuale che ha approvato il bilancio 2015, è un ex dirigente del Ministero e questo fattore lo rende un candidato plausibile alla presidenza dell'Autorità portuale genovese.

La poltrona è vacante, o meglio, è occupata da un commissario: il contrammiraglio Giovanni Pettorino, insediatosi provvisoriamente allo scopo di traghettare la struttura portuale genovese verso un nuovo nome forte. 

Chi è Paolo Emilio Signorini (dal sito del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti): 

- Dirigente generale del Dipartimento per le infrastrutture gli affari generali ed il personale

INCARICHI RICOPERTI: 
- Componente dell’Ufficio studi. Valutazione del recepimento delle direttive comunitarie in materia bancaria. - Cassa di Risparmio di Firenze
- Funzionario del Servizio per la tutela della concorrenza. Responsabile delle istruttorie in materia di intese, abusi di posizione dominante e concentrazioni nel settore bancario e finanziario. Analisi, ricerca e implementazione delle privatizzazioni del sistema creditizio, in particolare delle casse di risparmio controllate dalle Fondazioni bancarie. - Banca d'Italia
- Componente del Nucleo di valutazione degli investimenti pubblici. Analisi dell’impatto delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione nelle politiche di sviluppo e di coesione. Definizione dei programmi del nuovo ciclo di programmazione dei fondi strutturali europei 2000- 2006. - MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE
FINANZE
- Capo dell’Ufficio per gli affari regionali. Responsabile per il decentramento finanziario e amministrativo degli investimenti pubblici, per la semplificazione delle procedure della spesa in conto capitale e per la liberalizzazione dei servizi pubblici locali. - MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE
- Capo della Direzione generale per le politiche di sviluppo territoriale. Responsabile della direzione competente per gli investimenti pubblici programmati attraverso accordi tra Stato e Regioni e per supporto tecnico alla allocazione delle risorse per le aree sottoutilizzate e il loro monitoraggio. - MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE
- Capo della Direzione generale di supporto al CIPE. Coordinamento delle attività di istruttoria e supporto tecnico al CIPE Monitoraggio dei programmi di investimento approvati dal CIPE in materia di interventi a favore della aree sottoutilizzate, infrastrutture, sviluppo locale, ricerca e ambiente - MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE
- Coordinatore della Struttura di Missione per il Programma delle infrastrutture strategiche. Istruttoria dei progetti inclusi nel Programma delle infrastrutture strategiche da sottoporre all’approvazione del CIPE. Valutazione dei Contratti di programma di ANAS e RFI Supporto tecnico al Ministro delle infrastrutture per la trasmissione dei progetti TEN alla Commissione Europea - MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE
- Capo del Dipartimento per la programmazione e il coordinamento delle politiche economiche della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Responsabile del Dipartimento che supporta le decisioni del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE)in materia di infrastrutture e trasporti, regolazione tariffaria dei servizi di pubblica utilità, riparto delle risorse nazionali e comunitarie per le aree sottoutilizzate, ricerca innovazione università e istruzione, ambiente e politiche sociali. Supporto alla Presidenza del Consiglio dei Ministri in materia di politica economica Formulazione degli indirizzi per l’Unità tecnica finanza di progetto e il Nucleo di valutazione degli investimenti pubblici - PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
- Capo del Dipartimento per le infrastrutture, gli affari generali ed il personale. Responsabile del Dipartimento competente in materia di programmazione generale delle infrastrutture, infrastrutture ferroviarie ed interoperabilità ferroviaria, strade e gestione dei rapporti con le concessionarie autostradali, gestione dei programmi comunitari, identificazione delle linee fondamentali dell'assetto del territorio, regolazione dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, edilizia demaniale, residenziale e politiche abitative, dighe ed infrastrutture idriche ed elettriche, politiche per il personale e affari generali - MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autorità portuale, ipotesi Signorini per la presidenza

GenovaToday è in caricamento