Porto, maxi sequestro di alimenti e bevande contraffatti e nocivi

Si tratta di merce proveniente dall'Egitto e destinata alla rete di distribuzione etnica del Nord Italia: nei container oltre 27mila confezioni di succo Bravo e migliaia di bottiglie di Schweppes "tarocchi"

Ottanta tonnellate di alimenti e bevande contraffatte e nocive per la salute stipati in 6 container provenienti dall’Egitto: la Guardia di Finanza e l’Agenzia delle dogane li hanno intercettati al porto di Pra’-Voltri negli ultimi mesi, riuscendo a risalire sia all’importatore sia alla rete di distruzione e ottenendo per gran parte del quantitativo un provvedimento di sequestro e successiva distruzione da parte del Dipartimento della Salute della Regione Liguria.

Gran parte del carico - intercettato tra febbraio e maggio del 2018 - conteneva succhi di frutta dell’azienda austriaca Bravo, destinati non solo ai discount della grande distribuzione ma anche a bar ed esercizi commerciali: le confezione non soltanto non riportavano data di produzione e scadenza, ma l’etichetta era scritta in arabo e poco chiara. Analizzati dagli uomini delle Dogane, le bevande sono risultate contenere sostanze dannose per la salute, come anidride solforosa, coloranti artificiali e acidi che possono provocare problemi agli occhi, alla pelle e persino tumori. 

Insieme con i succhi (27.600 brick da un litro e mezzo), nei container erano stipate anche bottiglie di bibite marca Schweppes, anch’esse contraffatte, integratori liquidi e conserve sotto spirito, soprattutto limoni. La merce, prodotta negli Emirati Arabi e in Egitto (paese d’origine dell’importatore) era destinata ai negozi etnici, principalmente egiziani: il carico era diretto alla sede lombarda dell’azienda, a Rozzano, da dove sarebbe stata poi smistata. L’importatore, con precedenti per reati fiscali, è anche titolare di un sito di e-commerce dove è possibile acquistare i prodotti, su cui la Guardia di Finanza genovese non può però intervenire perché basato su server stranieri. 

«L’indagine è partita dall’intercettazione del primo carico di succhi di frutta, che da subito sono apparsi sospesi nonostante che l’importatore si definisse distributore ufficiale del marchio austriaco - ha spiegato il colonnello Mario Piccinni, comandante del secondo gruppo della Guardia di Finanza di Genova - Da lì, coordinandoci con i funzionari dell’Agenzia delle Dogane, abbiamo ampliato i controlli scoprendo che la merce non solo era contraffatta e mal etichettata, ma anche dannosa per la salute. Abbiamo elevato sanzioni amministrative pari a 115mila euro, e contestato anche il reato di contraffazione in danno alla salute pubblica, che prevede pene sino a 12 anni di carcere».

Il produttore austriaco Bravo ha già preso le distanze da quanto accaduto, sottolineando che i prodotti contraffatti sono immediatamente riconoscibili per le differenze rispetto a quelli autentici: la forma del cartone di succo è rettangolare, e non arrotondata come quelli “tarocchi”, e i paesi di provenienza dei prodotti sono esclusivamente Austria, Serbia, Ungheria ed Emirati Arabi.

«È importante sottolineare il luogo in cui operiamo - ha detto Gaetano Sferlazza, funzionario dell’Agenzia delle Entrate - I porti di Sampierdarena e di Pra’-Voltri si trovano su una sorta di linea di confine, e il nostro lavoro consente di bloccare in partenza la diffusione e la distribuzione di merce contraffatta e nociva sul territorio».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il rappresentante legale della società importatrice è stato denunciato per diversi reati, tra i quali introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi e commercio di sostanze alimentari nocive.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Passano la notte insieme in albergo, al mattino sul conto di lei mancano 750 euro

  • Aggredisce e tenta di stuprare una donna in corso Italia: arrestato 24enne

  • Tragico schianto in via Merano, muore scooterista

  • Malore fatale in strada, tragedia a Santa Margherita Ligure

  • Coronavirus, nuovo cluster a Busalla: coinvolte due famiglie

  • Gli escursionisti con la Fiat le loro vittime preferite, arrestati fratelli-ladri

Torna su
GenovaToday è in caricamento