menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Porto, scoperto traffico di rifiuti pericolosi diretti in Giordania

L'azienda finita nel mirino trasportava apparecchi e rottami elettronici verso il Paese asiatico: un imprenditore indagato

Trasportavano componenti elettronici in disuso dichiarandoli come merce usata, un traffico illecito che è stato alla fine scoperto dalle autorità.

A denunciare la ditta è stato l'Ufficio delle Dogane di Rivalta Scrivia, Retroporto di Genova, che ha accertato che la merce, accompagnata da documenti falsificati, era diretta in Giordania e proveniva da una vera e propria discarica abusiva di rottami e apparecchiature elettriche ed elettroniche, anche pericolosi, dichiarata come azienda.

Nell'indagine per accertare violazioni del Testo Unico dell’Ambiente, la polizia giudiziaria - insieme alla Procura della Repubblica di Alessandria, ai funzionari delll’Ufficio Dogane Rivalta, con l'aiuto della squadra di Vercelli e Novara - ha trovato l’esportatore privo di qualsiasi autorizzazione amministrativa per la detenzione e la manipolazione dei rifiuti. Da qui l'scrizione del titolare dell'azienda nel registro degli indagati, con l'accusa di traffico illecito di rifiuti pericolosi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caos autostrade: code anche in serata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento