menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terrorismo: rafforzati i controlli sui passeggeri in porto

Dopo che il comando generale delle Capitanerie di porto ha diramato l'allerta due, i terminalisti si sono dovuti organizzare per aumentare il personale addetto ai controlli

Da ieri sono aumentati i controlli nel porto di Genova così come in tutti gli altri scali italiani dopo la decisione del governo di alzare la guardia di fronte al rischio di possibili terroristi, pronti a imbarcarsi per raggiungere la Tunisia.

Dopo che il comando generale delle Capitanerie di porto ha diramato l'allerta due, i terminalisti si sono dovuti organizzare per aumentare il personale addetto ai controlli. In pratica se prima veniva perquisito un passeggero su quattro, ora si è passati a uno su due. Per lo più le verifiche avvengono con il sistema della autoperquisizione, ovvero i viaggiatori vengono invitati a mostrare autonomamente il bagaglio.

Ma in un periodo come questo di esodo estivo, le ripercussioni sono state notevoli con traghetti salpati in ritardo e code intorno ai varchi portuali. Particolarmente complicata la situazione potrebbe diventare fra oggi e domani, quando è prevista la partenza di ben nove navi.

L'invito è quello di presentarsi all'imbarco per tempo in modo di facilitare le operazioni e non rischiare di rimanere a terra.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Riaperture dal 20 aprile, ci sono le condizioni»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento