Cronaca Lungomare Giuseppe Canepa

Porto, camion in coda per la misure anti-coronavirus

Un lungo serpentone di mezzi pesanti si è allungato su lungomare Canepa e sulla Guido Rossa per il secondo giorno di fila. A rallentare gli accessi, il nuovo protocollo adottato per far fronte all'emergenza sanitaria

Ancora una mattinata di code in lungomare Canepa e sulla strada a Mare Guido Rossa in direzione levante a causa dei numerosi mezzi pesanti diretti in porto rallentati dalle procedure adottate per l’emergenza coronavirus. 

Proprio lunedì, l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Occidentale ha adottato un nuovo protocollo sottoscritto dalle organizzazioni sindacali e dal governo che prevede, tra le altre cose, che il flusso orario massimo agli ingressi sia di 80 camion l’ora, e che per quanto riguarda l’export, l’accettazione del carico della seconda nave di ciascun servizio sarà vincolata alla fine delle operazioni commerciali della prima nave.

Per quanto riguarda il ciclo nave, inoltre, saranno operative al massimo 4 mani di lavoro per ciascun turno, mentre per il ciclo ferrovia sarà operativa al massimo una mano di lavoro per ciascun turno.

Tali azioni, spiega l’Autorità Portuale - vengono emanate per evitare il blocco totale delle attività del Terminal, ma con l’intenzione di supportare al meglio, per quanto possibile, la catena logistica nazionale, nell’imprescindibile necessità di salvaguardare la salute dei propri dipendenti e di tutte le persone che gravitano, con la loro attività, all’interno del sito».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto, camion in coda per la misure anti-coronavirus

GenovaToday è in caricamento