menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fermano venditore abusivo, agenti della Locale accerchiati al Porto Antico

È successo nel primo pomeriggio di mercoledì. Due le denunce contro ignoti, un arresto. Gli uomini del reparto Sicurezza Urbana hanno anche scoperto un deposito di merce falsa

Ancora momenti di tensione al Porto Antico tra polizia Locale e venditori abusivi. Questa volta due agenti del reparto Sicurezza Urbana sono stati accerchiati da un gruppo di uomini di origini senegalesi che tentavano di aiutare un connazionale a fuggire con la merce che stava vendendo.

Tutto è successo mercoledì poco prima delle 13 al Porto Antico, dove gli uomini della Locale si sono avvicinati a tre venditori che avevano piazzato abusivamente la loro merce, in gran parte contraffatta, su lenzuoli davanti al Galeone. Due sino fuggiti abbandonando il "campionario" esposto, il terzo ha voluto recuperarlo, si è attardato ed è stato raggiunto in via al Ponte Calvi.

L'uomo, un 39enne senegalese in regola col permesso di soggiorno, nel vedere gli agenti ha reagito con violenza, tirando un pugno a uno e chiamando poi in aiuto i connazionali nei dintorni: nel giro di pochi minuti una quindicina di persone sono accorse e hanno circondato i due agenti, mentre sul posto arrivavano i rinforzi del reparto Sicurezza Urbana, il cui intervento ha permesso di fermare l'africano mentre gli altri stranieri si davano alla fuga. Due, alla fine, le denunce per resistenza contro ignoti, mentre il 39enne è stato arrestato.

Gli uomini del reparto, insieme con i colleghi del reparto Giudiziaria e in accordo con il pubblico ministero di turno, il sostituto procuratore Stefano Puppo, hanno quindin deciso di perquisire la casa del venditore abusivo, dove è stata trovata merce contraffatta in parte di sua proprietà e in parte appartenente a un suo connazionale attualmente in patria, oltre a etichette per la contraffazione della merce, 475 euro in contanti e 20 euro falsi.

In totale sono stati 127 i pezzi sequestrati dal reparto Sicurezza Urbana: 7 orologi griffati con i marchi Rolex, Cartier, Bulgari, Tag Hauer, Panerai, 2 strumenti di precisione, 22 paia di scarpe, 2 giacche, 1 cappello, 14 borse, 3 portafogli, 1 maglione, 1 camicia, 12 paia di ciabatte, 12 etichette di varie marche, le banconote vere e quella falsa. Giovedì mattina, in direttissima, l'arresto dell'uomo è stato convalidato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

social

Arisa si sposa con Andrea Di Carlo: tutti i dettagli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento