Nuovo ponte, con la posa del "primo palo" inizia la ricostruzione

Da lunedì pomeriggio gli uomini della joint venture Pergenova hanno iniziato le operazioni finalizzate a gettare le basi della prima pila, la 6

Come anticipato dal deposito del progetto esecutivo in Città Metropolitana, è partita dalla pila 6 la costruzione del nuovo viadotto sul Polcevera, quello che nelle speranze del sindaco-commissario Marco Bucci (e non solo) dovrebbe prendere il posto del Morandi ad aprile 2020.

I lavori sono partiti ufficialmente lunedì con una serie di attività portate avanti da Pergenova, joint venture costituita da Fincantieri Infrastructure e Salini Impregilo cui è affidata la progettazione dell’opera insieme a Italferr. Le prime operazioni riguardando la posa del palo per la pila 6, palo che viene trivellato fino a una profondità di 46 metri ed è il primo degli 11 che sosterranno il basamento del pilone. 

«Questa è la prima parte dell’opera che, invisibile dall’esterno perché totalmente nel sottosuolo, darà solidità al nuovo viadotto», sottolineano da Pergenova. Nella stessa area, nelle scorse settimane erano stati condotti stress test e prove di carico proprio sul palo-prova: «Siamo pronti a metterci al lavoro con i nostri tecnici per la costruzione vera e propria - ha detto Alberto Maestrini, direttore generale di Fincantieri Infrastructure e presidente di Pergenova - Ogni operazione verrà realizzata da squadre altamente specializzate, secondo tempistiche ottimizzate per poter restituire ai cittadini e al Paese il prima possibile un’infrastruttura così essenziale». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra a casa tardi e litiga con la moglie, si scopre che era a spacciare

  • Temperature in picchiata, in Liguria arriva la prima neve

  • Sos freddo al parco canile Dogsville: come aiutare

  • Peggioramento in arrivo: l'allerta meteo diventa arancione

  • Razzismo contro bimbo disabile sul bus: «Me lo potete togliere?»

  • Boato nella notte, paura a Campomorone

Torna su
GenovaToday è in caricamento