Ponte Morandi, vittima del crollo salva tre vite donando gli organi

Marian Roşca, camionista di 36 anni originario di Curtişoara in Romania, era deceduto dopo alcuni giorni in cura intensiva all'ospedale San Martino di Genova

Marian Roşca è una della 43 vittime della tragedia di Ponte Morandi, autista di camion di 36 anni originario di Curtişoara in Romania, è deceduto dopo alcuni giorni in cura intensiva all'ospedale San Martino di Genova.

Grazie all'autorizzazione data dai parenti alla donazione degli organi ha salvato tre vite in Italia come riferito da siti di informazione rumena come Digi24 e Rotalianul. I due reni sono andati a due bambini mentre il fegato ha salvato la vita a una persona di Padova. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Marian Roşca guidava tir per una ditta francese e una volta al mese transitava dall'Italia, inizialmente il suo nome era stato inserito nella prima lista di vittime del crollo, ma in realtà era stato recuperato e ricoverato in condizioni gravissime all'ospedale San Martino. Dopo qualche giorno è deceduto a causa delle lesioni riportate. Si sarebbe dovuto sposare entro l'anno.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Restate a casa»: nel giorno più nero per i decessi, il San Martino pubblica il 'meme' con le bare e scoppia la polemica

  • Coronavirus, 2 milioni di mascherine. Toti: «Saranno distribuite gratis tramite edicole, farmacie e volontari»

  • Coronavirus e affitto: cosa succede per inquilino e proprietario

  • Coronavirus, lo studio: «Ecco quando dovrebbe azzerarsi il contagio»

  • Coronavirus, lo studio del fisico: «A Genova morti 7-8 volte superiori ai dati ufficiali»

  • Coronavirus: in Liguria 3.772 positivi e 595 morti. Scendono i ricoveri in terapia intensiva

Torna su
GenovaToday è in caricamento