Mette al tappeto l'addetto alla vigilanza, poi in questura simula svenimenti

Sorpresa a rubare in un negozio in via XX Settembre e fermata, una 23enne ha aggredito chi la stava trattenendo, in attesa della polizia

Dovesse finalmente abbandonare la carriera di ladra, forse potrebbe avere un futuro nel pugilato o nel cinema. Nel pomeriggio di martedì 10 novembre, intorno alle 17, gli agenti dell'ufficio prevenzione generale hanno denunciato per tentata rapina impropria una 23enne di origini ecuadoriane, pluripregiudicata.

La giovane ha prelevato dagli scaffali di una nota profumeria di via XX Settembre tre profumi, del valore commerciale di circa 250 euro, per poi uscire dal negozio senza pagare. Il suo passaggio ha però fatto scattare l'allarme delle barriere antitaccheggio e anche l'intervento dell'addetto alla sicurezza, che l'ha seguita in strada, raggiungendola poco distante, e l'ha invitata a mostrare il contenuto della borsa dove aveva nascosto la merce rubata.

Nell'attesa che arrivasse la volante della polizia, la ragazza ha tentato di darsi alla fuga, sferrando due vigorosi pugni al volto del vigilante, che è caduto a terra. Anche negli uffici della questura, dove sono emersi i suoi molteplici precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, ha mostrato un atteggiamento ostile, simulando malesseri e svenimenti, per i quali è stato comunque richiesto l'intervento di personale medico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Antiche tradizioni: cos'è il "ragno genovese"?

  • «L'ho trovato, vedrai che non succederà più»: arrestato l'aggressore di Giuseppe Carbone

Torna su
GenovaToday è in caricamento