menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Schizza a tutta velocità in scooter, sotto la sella una pistola

Personale della Squadra Mobile ha tratto in arresto per porto illegale di arma comune da sparo un giovane di 28 anni, originario di Catanzaro ma da tempo residente a Genova, che si aggirava armato a bordo di uno scooter in zona Principe

Nella mattinata di ieri, personale della Squadra Mobile ha tratto in arresto per porto illegale di arma comune da sparo un giovane di 28 anni, originario di Catanzaro ma da tempo residente a Genova, che si aggirava armato a bordo di uno scooter in zona Principe.

In particolare intorno alle 8.45 l’attenzione degli agenti della Sezione Criminalità Diffusa della Squadra Mobile in servizio di pattuglia moto montata nella zona del centro storico, veniva attirata da un motociclo con a bordo una persona che procedeva a velocità sostenuta in via Buozzi, zigzagando tra le autovetture.

Gli equipaggi si mettevano immediatamente all’inseguimento del mezzo nell’attesa di cogliere il momento più opportuno per fermarlo e compiere tutte le operazioni in sicurezza. L’arrestato, dopo aver superato anche un attraversamento pedonale a forte velocità, transitava in piazza Dinegro direzione via Venezia incurante delle norme della circolazione stradale e mettendo in serio pericolo l’incolumità dei pedoni.

Giunti in piazza Sopranis gli operatori, verificatesi le condizioni idonee a garantire sia la loro incolumità che quella dei passanti, procedevano al controllo dell’uomo che, visibilmente innervosito, affermava di non avere con sé alcun documento di riconoscimento.

Nella circostanza si rinveniva all’interno del vano sotto sella dello scooter una sacca di colore bianco contenente una pistola semiautomatica calibro 7,65 con relativo caricatore contenente nr. 8 cartucce dello stesso calibro, perfettamente funzionante, poi risultata provento di furto avvenuto qualche mese fa nella provincia di Alessandria.

L’uomo, con a carico pregiudizi penali per reati contro il patrimonio, è stato pertanto arrestato per il reato di porto illegale di arma comune da sparo e denunciato per il reato di ricettazione della pistola.

Al termine degli atti di rito, l’arrestato è stato associato presso il carcere di Marassi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Genova c'è lo scalone a cui si ispirò Hitchcock per "Vertigo"

Coronavirus

Ristorante aperto: «Siamo una mensa», ma scattano le multe

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento