Ceranesi: pista di motocross al posto di 25 mila metri quadri di alberi

Il consiglio regionale ha approvato all'unanimità la proposta per un impianto sportivo da destinare al motocross in località Fossa Luea nel comune di Ceranesi. L'area, di 25 mila metri quadrati, è attualemente occupata da alberi

Il consiglio regionale ha approvato all’unanimità la proposta di deliberazione 113 “Approvazione realizzazione di impianto sportivo da destinare a motocross in località Fossa Luea in variante al Piano urbanistico comunale (p.u.c.) e al Piano territoriale di coordinamento paesistico (p.t.c.p.)”.

Il progetto sottende una variante al PTCP del regime attuale dell’Assetto Insediativo ANI-MA, da riclassificare per la porzione interessata dall’impianto della pista di motcross in regime ANI-TR-AI rispetto alla quale è stato espresso parere favorevole.

Il progetto era stato accolto dal Comune di Ceranesi il 27 giugno 2013, che aveva anche fornito parere positivo alle relative varianti al Ptcp ed al Puc.

Il progetto prevede un nuovo impianto per motocross in località Fossa Luea, nel Comune di Ceranesi, su un’area attualmente boscata di circa 25 mila metri quadrati: l’intervento di sistemazione a pista motocross occupa 21 mila metri quadrati e si trova a +650 m.s.l.m. in un’area compresa tra l’impianto della discarica di Scarpino di Genova, a valle, e il Santuario della Madonna della Guardia, a monte. La vallecola interessata risulta sottomessa rispetto alle altre due sopra indicate e non percepibile dai siti citati. La società proponente ha già da tempo in funzione un campo per trial nelle immediate vicinanze: l’intenzione è ampliare la propria attività, in conformità agli indirizzi della pianificazione vigente.

Il tracciato previsto è costituito da una pista ad anello di 900 metri di sviluppo lineare, con larghezza media di 5 metri da realizzare tramite alcuni mirati interventi di sterri e riporti e con opere di contenimento laterali da realizzarsi tramite opere di ingegneria naturalistica. Sono inoltre compresi nel progetto gli interventi per la regimentazione delle acque meteoriche, la sistemazione di un piccolo piazzale per circa 40 posti auto pertinenziali e una recinzione, supportata da paletti in legno, perimetrale alla pista che verrà realizzata con fondo naturale.

La realizzazione della pista per motocross comporta chiaramente un taglio selettivo della vegetazione boschiva presente che in parte è costituita da castagni e in gran parte da essenze infestanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto in via Siffredi, muore 27enne

  • Tragico malore sul bus, muore 38enne

  • Scalinata Borghese restituita alla città: ecco com'è diventata

  • "Gelatina" di Genova è la migliore gelateria emergente d'Italia per Gambero Rosso

  • Schianto in via Siffredi, il giallo sulla morte di Burim

  • Addio a Giovanni Filocamo, è morto il "matematico curioso"

Torna su
GenovaToday è in caricamento