menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Falò sfugge al controllo, ettari di bosco distrutto sopra Pieve

Un grosso incendio è divampato nel pomeriggio di mercoledì sulle alture al confine con Sori. A scatenarlo un fuoco di pulizia acceso per bruciare sterpaglie

Non è bastato lo stato di grave pericolosità per incendi diramato dalla Regione per scoraggiare la 57enne di Pieve Ligure che mercoledì pomeriggio ha acceso un fuoco per bruciare sterpaglie, falò che ha finito per tramutarsi in un incendio di vaste dimensioni.

L'allarme è scattato nel pomeriggio di mercoledì nei boschi sulle alture tra Pieve e Sori, in località Priaruggia. A dare l'allarme è stata proprio la donna, che ai vigili del fuoco ha spiegato di avere acceso un falò per ripulire alcune fasce e di averne perso il controllo. Sul posto sono arrivate diverse squadre che hanno avviato le operazoni di spegnimento per cercare di circoscrivere il rogo, rapidamente esteso alla boscaglia.

L'intervento, lungo e complesso, ha richiesto molto lavoro e uomini. Sul posto anche i carabinieri di Rapallo, proprio alla luce del fatto che dal 22 settembre è severamente vietato a livello regionale accendere fuochi o falò in virtù dello stato di grave pericolosità per incendi: la donna è stata denunciata per il reato di incendio boschivo colposo e dovrà pagare una multa da oltre 2mila euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Costume e società

Da dove deriva il nome del quartiere Marassi?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento