rotate-mobile
Cronaca Centro Storico / Via del Campo

Don Gallo, una piazza nel Ghetto per il prete di strada

Centinaia di persone all'inagurazione dell'angolo del centro storico dedicato al fondatore della comunità di San Benedetto. Il sindaco Doria: "Mi manca, ma è così che è ancora presente"

Centinaia di persone si sono riunite nel tardo pomeriggio nel cuore del centro storico per festeggiare l’inaugurazione di piazza Don Andrea Gallo, uno slargo sinora senza nome nell'ex ghetto di Prè, tra vico Untoria e vico dei Fregoso, ora intitolato al "prete di strada”, come recitano le targhe.

Persone comuni, i ragazzi della Comunità di San Benedetto al Porto tanto amati da don Gallo e le sue “princese” hanno preso posto a fianco dei rappresentanti delle istituzioni, tra cui il sindaco Marco Doria e il vicepresidente della Regione Liguria, Claudio Montaldo, tutti uniti per celebrare non soltanto l’intitolazione della piazza, ma anche il compleanno del don, che oggi avrebbe compiuto 86 anni: “Don Gallo è vivo e vive insieme a noi", recitava uno degli striscioni appesi alle finestre della piazza, cui si sono affacciati i volti delle persone che hanno fatto parte della sua grande comunità e che hanno assistito prima alla messa e poi all’inaugurazione ufficiale, cui hanno preso parte anche Dori Ghezzi, il presidente del Municipio, Simone Leoncini, e il deputato Stefano Quaranta, che ha portato il messaggio di auguri della presidente della Camera, Laura Boldrini: “L’accoglienza degli emarginati che don Gallo predicava, la sua esortazione ad aprire le porte e a non fare discriminazioni, l’instancabile impegno civile costituiscono per tutti noi, credenti e non credenti, un fondamentale insegnamento”.

"In tanti, dopo la morte di don Gallo, mi hanno chiesto di intitolare piazza senza nome a lui", ha ricordato Simone Leoncini, che ha spiegato che “la decisione di dedicare la piazza ad Andrea è stata accolta con entusiasmo, ma dedicare la piazza a lui non è un regalo per don Gallo, che non ne ha bisogno, ma un regalo a tutta Genova. Sarà una piazza di tutti”. Emozionato anche Marco Doria, che ha rinnovato la stima per l’opera e la persona di don Gallo , e Dori Ghezzi, che ha definito l’intitolazione della piazza “un sogno che la forza del Gallo riesce a fare diventare realtà. Lui non avrebbe mai immaginato che questa piazza dimenticata un giorno sarebbe stata così piena, e così viva. Un miracolo. Ho tanti ricordi di Andrea, manca a me e manca a tutti. Buon compleanno, don Gallo”.

Nel ghetto di Pré, serata di festa con le visite guidate al centro storico ogni mezz’ora a partire dalle 20.30, il concerto di Esmeralda Sciascia in piazza Fossatello e la proiezione del film ‘Una canzone per il Paradiso’, con Andrea Gallo e Gino Paoli, all’auditorium Acquario di Genova alle 21.15; alla stessa ora, lo spettacolo ‘Scacco Matto’ messo in scena dal Teatro della Tosse ai Giardni Luzzati.

Centro storico in festa per l'inagurazione di piazza Don Gallo

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Don Gallo, una piazza nel Ghetto per il prete di strada

GenovaToday è in caricamento