menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piazza don Andrea Gallo nel ghetto di Prè

La commissione toponomastica, riunitasi oggi, ha approvato la proposta di intitolare una piazza del ghetto di Pré a don Andrea Gallo

La commissione toponomastica, riunitasi oggi, ha approvato la proposta, già deliberata dalla Giunta del Municipio Centro Est, di intitolare una piazza del ghetto di Pré a don Andrea Gallo, il prete genovese, fondatore della Comunità di San Benedetto al Porto, recentemente scomparso.

La proposta del Municipio, resa pubblica durante l'evento dedicato a don Gallo al PalaCep il 18 luglio, dal sindaco Marco Doria e dal presidente del Municipio Centro Est Simone Leoncini, era stata subito accolta dall’assessore Elena Fiorini, delegata ai servizi civici e alla toponomastica, che l’ha oggi illustrata durante la riunione della commissione, da lei stessa presieduta.

L’assessore Fiorini ha ricordato la motivazione di tale scelta. «Una figura umana, culturale e religiosa di rilievo nazionale che ha saputo interpretare lo spirito solidale della città, impegnandosi sempre accanto agli ultimi». L’assessore ha poi aggiunto: «In questo frangente, tra l'altro, abbiamo l'opportunità unica d'intitolare un luogo ad una personalità che è stata significativa non solo per la città ma per il luogo stesso».

«C’è una piazza nel cuore di Genova, a due passi dalle storiche via Lomellini e via del Campo, che gli abitanti del centro storico conoscono come piazza senza nome – ha detto Simone Leoncini -. È la piazza più grande del Ghetto di Prè – ha proseguito -, ma, a quanto pare, era stata dimenticata. Dimenticata fino a quando, pochi anni fa, si sono avviati gli importanti interventi di riqualificazione urbanistica e sociale del Ghetto. Questo percorso è stato animato da un movimento di cittadini e terzo settore che ha portato anche alla nascita della casa di quartiere Ghett Up, di cui la Comunità di San Benedetto è capofila. Grazie a don Gallo quegli ultimi, che spesso abitano il Ghetto, sono diventati protagonisti del cambiamento, per dare una piena vivibilità ai vicoli».

Don Gallo e la sua comunità sono stati sempre in prima fila in tutte le battaglie per la legalità e la valorizzazione sociale e culturale del centro storico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Arisa si sposa con Andrea Di Carlo: tutti i dettagli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento