Il Sert è chiuso: 61enne prende a calci la porta, poi sfascia l’ufficio in Questura

L’uomo si è presentato all’ambulatorio di piazza Dante provando a entrare. Gli operatori, spaventati, hanno chiamato la polizia, ma l’uomo ha continuato a dare in escandescenze

Si è presentato al Sert di piazza Dante per chiedere il metadone, ma lo ha trovato chiuso e ha reagito con violenza, prendendo a calci la porta, minacciando gli operatori che erano rimasti all’interno e scagliandosi poi contro i poliziotti intervenuti.

È successo venerdì poco prima delle 12.30 in piazza Dante. L’uomo, quando ha visto i poliziotti del Commissariato Pré, ha iniziato a prendersela anche con loro provando anche a farsi del male. 

Una volta arrivato in Questura ha continuato a dare in escandescenze, prendendo una sedia e tirandola contro un computer. Perquisito, è stato trovato in possesso di un cacciavite dalla punta piatta lungo 24 cm: per lui è scattata la denuncia per resistenza, violenza, oltraggio a pubblico ufficiale, danneggiamento e possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ferrari distrutta per Marchetti mentre si allena a Pegli

  • Covid, firmato il nuovo dpcm: spostamenti, asporto e scuola, cosa prevede

  • La Liguria torna in zona gialla, ma si attende il nuovo (e più severo) dpcm: cosa si sa

  • Liguria in zona arancione con i nuovi parametri: cosa cambia

  • Il genovese "Fotografo dei Puffi" conquista i social: «Così faccio conoscere la Liguria con fantasia e ironia»

  • Liguria gialla o arancione da domenica, attesa per la nuova ordinanza

Torna su
GenovaToday è in caricamento