menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pesto con botulino: ancora dieci ricoveri, in tilt centralini ospedali

Continua l'allerta a Genova in seguito alla caso della presenza di botulino nelle confezioni di pesto della ditta Bruzzone e Ferrari. Il codice del prodotto tossico è 13GO3 con scadenza 9 agosto 2013

Dieci persone ricoverate, settanta dimesse dopo alcuni controlli e centralini del 118 totalmente in tilt. Il caso del pesto col botulino continua a rendere impossibile la vita agli ospedali genovesi anche se nessun caso è stato accertato come intossicazione dovuta proprio a questa sostanza (leggi i sintomi da intossicazione da botulino). Come abbiamo ribadito più volte il lotto in questione è il pesto della ditta Bruzzone e Ferrari codice 13GO3 con scadenza 9 agosto 2013.

Dieci i pazienti ricoverati fino dicevamo: quattro al Galliera, quattro al San Martino, uno a Villa Scassi e un bambino al Gaslini. Al Galliera sono tutti in un ricovero precauzionale, così come quelli del San Martino. A Villa Scassi il degente aveva una dermatite e diceva di aver mangiato il pesto in questione, ma i risultati hanno dato esito negativo. Sta meglio anche il bambino che dovrebbe essere dimesso in queste ore.

Non si placano invece le decine di telefonate che tempestano il centralino del 118. La maggior parte per chiedere informazioni sul caso, ma anche per denunciare malori dopo aver mangiato del pesto. In questo casi, informa il 118, è sempre stata mandata un’ambulanza per i soccorsi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Bolzaneto, brucia un capannone: aria irrespirabile in Valpolcevera

  • Incidenti stradali

    Tris d'incidenti fra autostrada e città, coda e tre persone ferite

  • Coronavirus

    Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

  • Cronaca

    Una panchina rossa per ricordare Clara, vittima di femminicidio

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento