menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pesto col botulino, allerta in città: ingerirlo può essere letale

La ditta Bruzzone e Ferrari di Genova ha trovato del botulino all'interno delle proprie confezioni di pesto. La sostanza è velenosa, il lotto in questione è il 13GO3 con scadenza 9 agosto 2013

Botulino in alcune confezioni di pesto prodotto dalla ditta Bruzzone e Ferrari di Genova: è allarme in città. Le confezioni in questione, assolutamente da non consumare, sono il lotto 13 GO3 con scadenza 9 agosto 2013: la sostanza al loro interno può essere letale.

A lanciare l'allarme è stata la stessa azienda dopo un'operazione di autocontrollo e che sta provvedendo, insieme all'Asl e ai distributori, al ritiro del prodotto dal commercio. E il Ministero della Salute fa sapere che sulle confezioni di pesto sospettate di contenere botulino e ritirate dal commercio ''saranno disposti ulteriori controlli per valutare l'effettivo rischio sanitario''.

In tutta Genova scatta la paura e la psicosi collettiva. Ma dove è stato venduto questo lotto? Il prodotto è transitato in una piattaforma di vendita situata nell’alessandrino e sono in corso gli accertamenti della Asl per valutare l’estensione dell’allerta sul territorio regionale ed extra regionale. Al suo interno ci sarebbe una tossina velenosa, il clostridium botulinum, che può anche causare la morte di chi lo ingerisce.

Per tutti coloro che avessero acquistato il pesto della ditta Bruzzone e Ferrari è vivamente consigliato di non consumarla e restituirla al punto di acquisto. Nel giro di poche ore dovrebbero essere rintracciate e ritirate tutte le confezioni pervenute ai supermercati, ma non è escluso che già qualche vasetto sia stato acquistato e finito nel frigorifero di qualche famiglia.

Il giorno dopo la notizia arrivano anche i primi casi di malori sospetti: alcune persone infatti si sono presentate domenica mattina in due ospedali genovesi per chiedere consigli e un controllo. Nessun caso di avvelenamento è emerso finora, ha spiegato l'assessorato alla Salute della Regione Liguria, che sta monitorando la situazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo, parla l'esperto: «Ecco come mai stavolta il fenomeno è così intenso»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento