rotate-mobile
Domenica, 4 Dicembre 2022
Cronaca

Peste suina, Coldiretti: "Allargare la caccia al cinghiale, la Liguria tra le regioni più vessate"

In Liguria il problema è tornato a far parlare di sé in maniera ancor più massiccia con il caso del parco della Maggiolina della Spezia e, ultimamente a Genova, con la vicenda dell'Acquasola

La Liguria è ancora nella lista delle regioni più vessate dal problema della peste suina e, secondo Coldiretti, è necessario allargare la caccia ai cinghiali nella nostra regione e non solo: "Gli ungulati - dice il presidente Ettore Prandini nella lettera al Commissario straordinario alla peste suina Angelo Ferrari - rappresentano il principale veicolo di diffusione della Peste suina africana (Psa), con oltre 2,3 milioni di animali che stringono d’assedio città e campagne, da nord e sud della Penisola". Al commissario l'associazione chiede l’integrazione nell’attuale Priu (Piano regionale di interventi urgenti per la gestione, il controllo e l'eradicazione della peste suina africana nei suini da allevamento e nella specie cinghiale) dell’attività venatoria nei confronti dei cinghiali "con l’utilizzo di cani da seguita nei territori soggetti a restrizione, nel periodo dal primo ottobre 2022 al 31 gennaio 2023".

In Liguria il problema rimane costante ma è tornato a far parlare di sé in maniera ancor più massiccia con il caso del parco della Maggiolina della Spezia e, ultimamente a Genova, con la vicenda dell'Acquasola: qui alcuni cinghiali sono stati catturati e uccisi tra le proteste degli animalisti che hanno anche presentato un esposto in procura.

"Considerata la situazione di estrema emergenza per i danni e gli incidenti stradali provocati dalla fauna selvatica – spiegano Gianluca Boeri, Presidente di Coldiretti Liguria, e Bruno Rivarossa, Delegato Confederale – le proposte di abolizione della caccia avanzate per contingenti e strumentali interessi politici  sono del tutto fuori luogo, vanno contro la realtà dei fatti e danneggiano il Paese, la salvaguardia dei cittadini e l’economia agricola, già messa a dura prova dal caro prezzi, dalla siccità, dai bruschi episodi di maltempo e dalla situazione contingente”. Ridurre numericamente la specie cinghiale, dunque, significa “rallentare la diffusione della PSA in quelle zone dove maggiore è la presenza di filiere agroindustriali legate agli allevamenti di maiali, che garantiscono reddito, occupazione e indotto all’Italia, ma anche nelle campagne e nell’entroterra della nostra Liguria, già largamente vessata da questo tipo di problematiche legate alla proliferazione esponenziale degli ungulati e ai conseguenti danni che il loro passaggio causa ai nostri lavoratori agricoli".

Durante la prossima stagione di caccia, nelle zone liguri non soggette alle restrizioni per la peste suina, il Priu – approvato dalla giunta della Regione Liguria e inviato all'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) e al Centro di referenza nazionale pesti suine (Cerep) per i pareri di competenza – prevede che si potranno abbattere fino a 35.451 cinghiali: una cifra pari al 180% di quanto fatto nell'ultimo anno. "Un provvedimento importante – continuano Boeri e Rivarossa – per l’agricoltura e l’allevamento liguri e per tutti gli imprenditori che, ormai da troppo tempo, vedono il proprio lavoro distrutto dagli ungulati, sia per i danni materiali a campi e strutture che, nel corso dell’ultimo anno, per la peste suina, che ha costretto molti anche ad abbattere animali sani. La crescita del contingente cacciabile risponde a precise indicazioni dei Ministeri della Salute e delle Politiche agricole per il contenimento della peste suina africana, che a loro volta comporterebbero la riduzione dell'80% della popolazione dei cinghiali tra caccia e prelievi di controllo. Un obiettivo, quello fissato per il 2022/2023, piuttosto ambizioso e indirizzato essenzialmente al depopolamento delle aree indenni della Liguria attraverso azioni sia di caccia che di controllo faunistico, i cui numeri previsti Coldiretti Liguria auspica vengano rispettati, contrariamente a quanto avvenuto, invece, in passato".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Peste suina, Coldiretti: "Allargare la caccia al cinghiale, la Liguria tra le regioni più vessate"

GenovaToday è in caricamento