Cronaca

Pendolari in rivolta per i viaggi infernali: «Oltre 40 gradi sulle carrozze»

I comitati federati e Assoutenti scendono in campo per protestare contro le condizioni in cui ogni giorno sono costretti a viaggiare per andare e tornare dal lavoro, chiedendo a Trenitalia il rimborso degli abbonamenti

Caldicidio”: questo il termine coniato dai pendolari liguri che ogni giorno sono costretti a viaggiare su treni con finestrini bloccati, impianto di condizionamento che, quando funziona, lo fa a intermittenza, tendine rotte e temperature che superano i 40 gradi, complice anche il sovraffollamento. E’ la denuncia dei Comitati Pendolari federati, che insieme con Assoutenti hanno deciso di scendere in campo per chiedere provvedimenti a Trenitalia e al ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Roberto Del Rio, in primis il rimborso di biglietti e abbonamenti per tutti i viaggiatori che negli ultimi giorni hanno affrontato «la gravissima emergenza sanitaria in atto da lunedì 6 luglio sui treni Intercity e su numerosi treni regionali».

«Trenitalia non ha approntato alcun piano di emergenza per i treni Intercity, svolti con materiale vecchio anche di oltre 40 anni e dotati di impianti di condizionamento inefficienti o addirittura guasti», si legge in una nota diffusa dalle associazioni, che denunciano «il gravissimo disagio provocato a migliaia di pendolari che ogni giorno utilizzano treni con temperatura in carrozza anche superiore ai 45 gradi». Un preambolo a una serie di richieste che vanno dal rimborso all’istituzione di presidi “emergency” gestiti da Trenitalia in tutte le stazioni, dove i viaggiatori potranno trovare assistenza e ristoro, all’applicazione di speciali pellicole ai vetri e di tendine parasole dove assenti, sino al ritiro di tutte le carrozze Intercity non idonee e la loro sostituzione.

«Nei volti di tutti i pendolari, sulle banchine, in attesa di prendere il treno per andare a lavorare o per tornare a casa, leggiamo il terrore di affrontare viaggi drammatici che tolgono il fiato e mettono a repentaglio la salute - concludono le associazioni - Così non è possibile andare avanti e augurarci che la morsa del caldo si allenti non è certo sufficiente». Da Trenitalia al momento non arrivano risposte ufficiali, mentre Assoutenti si sta già muovendo per portare la questione all’attenzione dell’azienda e del ministero dei Trasporti avvisando che la raccolta di domande per il bonus da parte degli abbonati inizierà lunedì 13 luglio, attraverso un form che sarà disponibile sui loro siti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pendolari in rivolta per i viaggi infernali: «Oltre 40 gradi sulle carrozze»

GenovaToday è in caricamento