menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pegli, approvato il restauro della torretta di Villa Banfi

I lavori, per un importo complessivo di 300mila euro, sono finalizzati alla messa in sicurezza e al recupero dell'antica torretta difensiva di Villa Banfi

La Giunta comunale, su proposta dell'assessore al bilancio, lavori pubblici, manutenzioni e verde pubblico Pietro Piciocchi, ha approvato il progetto definitivo per gli interventi di consolidamento della torretta e del muro di sostegno della scarpata di Villa Banfi, a Pegli.

I lavori, per un importo complessivo di 300mila euro, sono finalizzati alla messa in sicurezza e al recupero dell'antica torretta difensiva di Villa Banfi e in particolare della sua parte sommitale, con particolare riferimento al cornicione lapideo, alla cella d'avvistamento e alla struttura in ferro a copertura della stessa.

Nel dettaglio, i principali interventi previsti nel progetto consistono nella realizzazione di intonaco armato sulle pareti interne della torretta per consolidarne la parte interna; ricostruzione del primo solaio con struttura in acciaio e consolidamento del secondo solaio; restauro delle lesioni attraversi l'iniezione di una miscela a base di calce idraulica; inserimento di un sistema di incatenamento nelle due direzioni all’altezza del primo e del secondo solaio; integrazione della muratura della torretta tramite stilatura armata.

La torretta, collocata al confine di Villa Banfi a ridosso di via Nicoloso da Recco, è sottoposta alla tutela della Soprintendenza che ha espresso parere favorevole all’esecuzione degli interventi di consolidamento, già inseriti nel Programma triennale dei lavori pubblici 2021-2023.

Costruita nel '700 e tra i più importanti polmoni verdi di Pegli e di tutto il Ponente, Villa Banfi è una delle quattro ville che la famiglia Lomellini possedeva a Pegli. Il parco urbano di Villa Banfi ospita un importante patrimonio di biodiversità e numerose specie botaniche di pregio come yucca, rododendro, albero di giuda, cycas, camelie, magnolie, pini e palme.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Genova c'è lo scalone a cui si ispirò Hitchcock per "Vertigo"

Coronavirus

Ristorante aperto: «Siamo una mensa», ma scattano le multe

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento