rotate-mobile
Cronaca Pegli / Piazza Lido di Pegli

Appartamenti-alcove a Pegli e alla Foce, arrestato "broker" di prostitute

In manette è finito il 33enne Alessandro Procopio, già condannato nel 2012 per lo stesso reato: dal 2014 affittava le sue case alle ragazze per consentire loro di ricevere i clienti

Si era trasformato in un vero e proprio “broker” per portare avanti un giro di prostituzione, contattando le ragazze attraverso le inserzioni che loro stesse mettevano sui siti specializzati e offrendo loro i suoi appartamenti per accogliere i clienti: un giro d’affari che gli fruttava circa 1.500 euro al mese, e che al termine di lunghe indagini da parte della Squadra Mobile della questura è stato smantellato.

A finire in manette è stato Alessandro Procopio., 33 anni, arrestato in mattinata su ordinanza del gip del tribunale di Genova nella sua abitazione di Pegli, dagli uomini coordinati dal dirigente Annino Gargano: già condannato nel 2012 proprio per i reati di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, il 33enne ha sfruttato l’intero periodo che doveva trascorrere ai domiciliari (misura poi ridotta all’obbligo di firma) per selezionare le prostitute online - principalmente provenienti dal Sudamerica e dall’Europa dell’Est, residenti in tutta Italia, dalla Lombardia alla Sardegna - contattarle e mettere loro a disposizione i suoi tre appartamenti, uno in piazza Lido e uno in viale alla Pineta, a Pegli, e uno in via Crimea, alla Foce.

VIDEO | Case trasformate in alcove per un giro di prostituzione, le immagini del blitz della polizia

I prezzi variavano a seconda delle necessità delle prostitute: l’appartamento trasformato in alcova veniva affittato a 50 euro al giorno, prezzo “scontato” nel caso in cui il periodo si fosse prolungato. Una volta presi gli accordi, Procopio incontrava la prostituta, la accompagnava a vedere l’appartamento e le lasciava le chiavi, intascando i soldi. I sospetti della Mobile, che già lo aveva nel mirino, si sono concretizzati proprio a causa del continuo via vai di ragazze avvenenti nei palazzi, che aveva insospettito il vicinato.

Le indagini, partite a fine 2015, sono proseguite per quasi un anno tra appostamenti, pedinamenti e intercettazioni, sino alla mattinata di giovedì, quando l’uomo è stato arrestato e trasferito in carcere. All’interno dei uno degli appartamenti, tutti sequestrati in attesa della confisca, all’arrivo degli agenti era presente proprio una prostituta di origini brasiliane che stava aspettando un cliente.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appartamenti-alcove a Pegli e alla Foce, arrestato "broker" di prostitute

GenovaToday è in caricamento