Sfondano con un calcio la vetrina di un negozio e rubano all'interno, arrestati

Un cittadino ha assistito alla scena e ha chiamato la polizia. I due ladri hanno opposto resistenza, ma alla fine sono stati bloccati

Arrestati poco dopo aver messo a segno un furto con spaccata in via Carloforte a Pegli. La scorsa notte i poliziotti delle volanti hanno bloccato un marocchino di 28 anni e un tunisino di 47, entrambi senza fissa dimora, accusati di furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale. I due sono stati anche denunciati per il possesso ingiustificato di armi o oggetti atti ad offendere e, solo il 47enne, per la violazione della normativa sull'immigrazione. Quest'ultimo è stato anche sanzionato per possesso di sostanza stupefacente.

L'intervento della polizia è stato richiesto da un cittadino, che aveva sorpreso i due mentre sfondavano con un calcio la porta d'ingresso di un negozio di frutta e verdura per poi uscirne pochi attimi dopo con alcuni capi d'abbigliamento sotto braccio.

Grazie all'accurata descrizione fornita dal testimone, gli agenti hanno rintracciato i due ladri mentre ancora si trovavano nei pressi, intenti a contare il bottino costituito da numerose monetine, per una somma complessiva di 275 euro. Da un controllo più approfondito è stato altresì rinvenuto, a carico, del marocchino un cacciavite e, a carico del tunisino, un coltello, un involucro contenente sostanza stupefacente e gli indumenti sottratti dal negozio (quattro giubbotti).

Entrambi i soggetti hanno opposto una violenta resistenza al controllo con calci e pugni, rendendo necessario l’uso dello spray capsicum. Una volta accompagnati in Questura sono emersi numerosi precedenti specifici a carico del 47enne, risultato peraltro irregolare poiché inottemperante a un ordine del questore a lasciare il territorio entro cinque giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono stati giudicati entrambi questa mattina con rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Covid, tutta Genova diventa zona "ad alta attenzione": firmata la nuova ordinanza

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Covid, coprifuoco a Genova dalle 21 alle 6: ecco cosa si può (e non si può) fare

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Le bucano le gomme perché lesbica, lo sfogo dell'infermiera Camilla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento