rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Cronaca Pegli / belvedere padre Guglielmo Salvi

Spiaggia del belvedere Salvi, la denuncia dei volontari: "Oasi di rifiuti e sporcizia"

Il comitato di quartiere: "Torneremo alla carica a settembre per sollecitare le istituzioni, vogliamo restituire a Pegli uno dei suoi luoghi più suggestivi"

"Un'oasi di rifiuti e sporcizia": non usa mezzi termini il comitato Pegli Bene Comune per descrivere le condizioni del belvedere Padre Guglielmo Salvi e denunciare la situazione di degrado.

Il comitato manutiene regolarmente con interventi di pulizia e riqualificazione e tempo fa ha riordinato l'aiuola sulla terrazza, legando alla ringhiera tre vasi posa cicche (che i volontari vanno regolarmente a svuotare), posizionando sulla spiaggia sottostante tre vasconi con piante. 

Mentre la terrazza viene ripulita regolarmente da Amiu, la pulizia dell'area sottostante - di competenza di Autorità Portuale - viene lasciata ai cittadini e nello specifico, da un anno e mezzo circa, al comitato. "Lo scorso 18 febbraio - raccontano i volontari - è stato svolto al Belvedere un sopralluogo alla presenza di Municipio e Comune al fine di attirare l'attenzione dell'amministrazione sulle potenzialità dell'area, di cui da tepo chiediamo un intervento di rigenerazione e ristrutturazione per riportarla agli antichi splendori di quando era nota ai pegliesi come 'scoglio Vittoria'". La zona prendeva nome dalla principessa che a fine '800 frequentava lo scoglio, utilizzandolo per dipingere alcune tele raffiguranti il panorama verso levante".

A questo fine era stato inviato al Comune, tramite l'allora gruppo consiliare di Italia Viva, un documento con alcune indicazioni sulla storia del Belvedere e sull'opportunità di una sua riqualificazione.

Ma le cose non sono ancora cambiate e nei giorni scorsi il comitato Pegl Bene Comune ha documentato una 'strage' di cartacce e rifiuti lasciati sulla spiaggetta. "Il volontariato - dicono i volontari - dovrebbe al massimo affiancare e non sostituire l'operato delle istituzioni, chiamate a trovare una soluzione definitiva al problema, ormai annoso e notorio, delle cattive frequentazioni di alcuni degli spazi di pregio, almeno potenzialmente, del nostro borgo".

Insomma, il comitato è pronto a tornare alla carica per settembre: la richiesta è l'istituzione di un tavolo che metta insieme istituzioni ed enti pubblici per individuare insieme soluzioni efficaci, al fine di restituire a Pegli uno dei suoi luoghi più suggestivi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spiaggia del belvedere Salvi, la denuncia dei volontari: "Oasi di rifiuti e sporcizia"

GenovaToday è in caricamento