Il Papa alla Guardia: «Giovani, non siate "turisti" della vita, andate a "missionare"»

L'incontro con i ragazzi: «Non siate "turisti" della vita, come coloro che fotografano tutto, e non guardano nulla. Poi riguardano le foto a casa con superficialità»

«Vi invito a pregare la Madonna in silenzio, ognuno le dica quello che ha nel cuore, è la nostra mamma». Queste le prime parole di Papa Francesco dopo essere arrivato al Santuario di Nostra Signora della Guardia, alle 12,30 circa.

LA GIORNATA DI PAPA FRANCESCO A GENOVA

Alla Guardia i giovani della missione diocesana hanno atteso l'arrivo del Pontefice con striscioni e palloncini, e al suo arrivo in auto, intorno alle 12.30, le migliaia di ragazzi emozionati hanno iniziato invocare il nome "Francesco", ad applaudire e poi a intonare il brano "Danza la vita". Una volta entrato nel santuario, il Papa - dopo una breve sosta alla toilette - ha preso posto e ha invitato tutti i giovani a «fare silenzio, ascoltare il proprio cuore e pregare la Madonna, ditele ci che avete dentro», e si è poi unito alla preghiera. 

Quattro ragazzi hanno preso la parola per parlare con il Papa e chiedere alcuni consigli: come essere missionari verso i coetanei e specialmente verso coloro che vivono in situazioni difficili, come vivere serenamente la vita spirituale e di preghiera, come incontrare la propria anima gemella in questi tempi frenetici, e come affrontare la questione della violenza e delle guerre nel mondo.

Dopo aver preso appunti, Papa Francesco ha risposto: «Prima il cardinale ha parlato del vostro amore, dicendo che è turbolento e allegro, e questo è bello. Tra frenetici, turbolenti, allegri, facciamo una bella macedonia e il risultato sarà bello. Per me è una gioia incontrarvi, so che non volete risposte preconfezionate bensì concrete e personali».

«Dovete imparare a guardare con occhi nuovi la realtà, come veri missionari - ha commentato - non siate "turisti" della vita, come coloro che fotografano tutto, e non guardano nulla. Non sanno guardare, poi riguardano le foto a casa, ma non è la stessa cosa. Non si può guardare la vita con gli occhi del turista, cioè superficialmente. Bisogna toccare la realtà e guardare le cose come sono, mentre succedono. Se non sappiamo guardare, finiamo per ignorare i problemi, non sappiamo leggere nel cuore degli altri. Non siamo superficiali: trovare adulti ipocriti è brutto, trovare giovani che incominciano la vita con un atteggiamento di ipocrisia è suicida. Giovani, andate a "missionare"» ha aggiunto poi, con un riferimento velato e probabilmente voluto alla famosa hit di Fabio Rovazzi "Andiamo a comandare" .

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PAGINA SUCCESSIVA: LE DOMANDE DEI GIOVANI

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in via Siffredi, muore ventenne

  • Schianto in moto a Nervi, muore ragazza di 18 anni

  • Sestri Levante: massacrato dal branco per un telefono cellulare

  • Meteo: la perturbazione cambia traiettoria, modificati gli orari dell'allerta

  • A settembre su Sky la serie con Paola Cortellesi, ambientata a Genova

  • Schianto in via Siffredi: addio a Simone, seconda giovanissima vittima in due giorni

Torna su
GenovaToday è in caricamento