menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Smog e afa, ancora sforamenti dell'ozono

Quarto e Acquasola: le centraline hanno segnalato livelli alti di inquinamento per due ore in centro e per un’ora in corso Europa

Terzo giorno consecutivo di superamenti della soglia di attenzione per gli agenti inquinanti a Genova. Il caldo afoso e l'assenza di vento contribuiscono al ristagno dello smog, anche se giovedì 7 luglio si sono ridotte le ore di inquinamento da ozono sul territorio metropolitano genovese rispetto ai due giorni precedenti. Sono state solo tre, di cui una (dalle 13 alle 14) registrata dalla centralina della Città metropolitana posta in corso Europa, a Quarto, e due (dalle 14 alle 16) rilevate invece dalla centralina dell’Acquasola, in centro città: il superamento della soglia di informazione alla popolazione di 180 ug/m3 è stato modesto a Quarto (184 ug/m3) e più rilevante all’Acquasola (201 ug/m3 nella seconda ora). Si consiglia di evitare esposizioni di lunga durata all’aria aperta ai gruppi di popolazione particolarmente sensibili (bambini, anziani e soggetti con problemi respiratori). 

Tutti nei limiti di legge, invece, sono risultati i valori di ozono rilevati dalle altre centraline dislocate sul territorio, sia nel capoluogo che nell’entroterra e Riviere, così come sotto le rispettive soglie di legge sono risultate, in tutte le centraline del territorio, le concentrazioni in atmosfera degli altri agenti inquinanti monitorati: monossido di carbonio, biossido d’azoto, diossido di zolfo e polveri sottili.  Il servizio meteorologico dell’aeronautica militare prevede tuttavia per venerdì 9 luglio condizioni sfavorevoli al ristagno di inquinanti nei bassi strati atmosferici.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Genova c'è lo scalone a cui si ispirò Hitchcock per "Vertigo"

Coronavirus

Ristorante aperto: «Siamo una mensa», ma scattano le multe

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento