menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ospedale Gallino, Cgil contro l'ipotesi chiusura a Pontedecimo

La Cgil chiede un vero tavolo di confronto per affrontare il tema del riordino dei servizi ospedalieri. Alcuni territori, come la Valpolcevera e la Valle Scrivia,da tempo perdono servizi senza un'adeguata riqualificazione

Bisogna dotarsi di un metodo diverso per affrontare la razionalizzazione del sistema sociale e socio sanitario della regione Liguria. Nonostante l'approvazione di manovre governative che ne minano le fondamenta e il perdurare della crisi, gli enti locali non devono subire semplicemente le decisioni negative del governo, ma occorre responsabilità e impegno nel necessario avoro di riorganizzazione. Lo afferma la Cgil in un comunicato stampa in cui si sottolinea la preoccupazione per l'ipotesi chiusura dell'ospedale Gallino di Pontedecimo.

"I processi di riordino dei servizi ospedalieri e territoriali non possono essere attuati tra incertezze e improvvisazioni e sopratutto non devono apparire nati solo per fare cassa, quindi privi di un’idea forte di vera e profonda riorganizzazione, che tenga conto delle diverse realtà territoriali nelle quali si articola la nostra città".

La CGIL  chiede un vero tavolo di confronto che abbia tali scopi, in grado di affrontare con chiarezza, e senza cambi in corso d’opera, la complessità della situazione.

"Ci sono territori come la Val Polcevera e la Valle Scrivia da troppo tempo noti per quello che hanno perso in termini di servizi sanitari, senza avere avuto in cambio nulla di utile per i loro abitanti. Qui tanti cittadini hanno visto sottrarsi, nel tempo, una serie di servizi sanitari senza un’adeguata riqualificazione. Questo li rende più esposti. Accanto ai presidi ospedalieri, soprattutto in questi territori, bisogna dare corpo ad un forte e corretta riorganizzazione e attivare un reale potenziamento dell’offerta alternativa di servizi territoriali, di prevenzione e di cura, in una regione che, fra l’altro, si avvia ad essere composta in modo rilevante da portatori di patologie croniche".

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo, parla l'esperto: «Ecco come mai stavolta il fenomeno è così intenso»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento