rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Cronaca Santa Margherita Ligure

Santa Margherita, stretta sulla movida: niente alcol da asporto, stop a bivacchi e mendicanti

Il sindaco Paolo Donadoni ha firmato due ordinanze valide fino al 31 agosto, previste multe fino a 400 euro

Come avviene ogni anno, con l’avvio della stagione estiva, sono stati intensificati i controlli sul territorio di Santa Margherita Ligure per garantire una fruizione sicura da parte di tutti, residenti e ospiti della città. L’impegno si fonda sulla sinergia tra l’amministrazione, la Polizia Locale e le forze dell’ordine e la Croce Rossa.

Come ogni anno il sindaco Paolo Donadoni ha firmato le ordinanze valide fino al 31 agosto, che ripropongono le regolamentazioni degli scorsi anni. Niente bivacchi o accattonaggi molesti e, nei giorni festivi, prefestivi, il mercoledì e il venerdì, niente bevande alcoliche da asporto sul territorio comunale dalle ore 20 di sera alle 6 del mattino successivo. 

"Santa Margherita Ligure da anni adotta una serie di provvedimenti dedicati alla stagione estiva per garantire una sana e sicura 'movida'. La collaborazione avviata su questi temi negli ultimi anni tra Carabinieri, Guardia di Finanza, Capitaneria, Polizia Locale e Croce Rossa cittadina, che ringrazio, è un esempio virtuoso del lavoro che abbiamo intrapreso a Santa Margherita Ligure".

Santa Margherita Ligure, cosa prevede l'ordinanza per il decoro

Nello specifico, ecco cosa prevedono le ordinanze firmate dal sindaco. 

  • È vietata l’attività di accattonaggio e di mendicità moleste con modalità ostinate, reiterate, continuative e insistenti o minacciose, o con modalità che comunque turbino l’incolumità e la sicurezza dei cittadini o ne impediscano e/o limitino l’accesso, la fruizione o l’utilizzo delle aree, spazi o luoghi pubblici e aperti al pubblico, su tutto il territorio comunale. Sono altresì vietate tali attività mediante l’utilizzo di minori, anziani, disabili e lo sfruttamento di animali di affezione.
  • È vietata l’attività di accattonaggio e mendicità, ancorché non moleste o minacciose, oppure poste in essere senza le modalità di cui sopra, se svolte nei luoghi del territorio comunale di seguito indicati: all’interno e in prossimità dei mercati settimanali e giornalieri; nelle aree limitrofe alla stazione ferroviaria; nelle aree limitrofe alla Basilica cittadina ed i luoghi di culto in generale; nelle aree limitrofe alle zone di imbarco del Molo Maloncello e/o del Porto; davanti e/o in prossimità di esercizi commerciali, uffici pubblici, scuole, istituti bancari nonché delle sedi delle istituzioni preposte al soccorso e alla sicurezza pubblica, delle fermate dei mezzi di trasporto pubblico di linea e non di linea; nel centro storico cittadino, principalmente caratterizzato da vie brevi e strette; nella passeggiata a mare da Piazza del Sole all’area di Punta pedale; nei parchi e nelle aree verdi pubbliche; nei parcheggi pubblici; davanti o all’interno di stabilimenti balneari; sulle pubbliche spiagge; presso le intersezioni stradali.
  • È vietato bivaccare con vettovagliamenti di qualsiasi genere o con qualsiasi altro tipo di oggetto, valigia, trolley o masserizia, occupare panchine, scale, portici, edifici pubblici o soglie degli stessi, ivi compresi gli ambiti della stazione ferroviaria e portuale suolo limitrofo a qualunque spazio o area pubblica per i quali l’occupazione risulti contraria al decoro urbano.
  • È vietato sdraiarsi o sedersi per terra nelle strade, sotto i portici, nelle piazze e giardini e altri spazi pubblici o a funzione collettiva assumendo comportamenti non consoni ai luoghi.
  • Vietato su tutto il territorio comunale con particolare riferimento alle seguenti zone Piazza Martiri della Libertà, via Partigiani d’Italia, via Tunisia, via Giuncheto, piazza Caprera, largo Giusti, via XXV Aprile, via Pescino, viale Marconi, Piazza Vittorio Veneto, Piazza Raoul Nobili e stazione ferroviaria, lungomare Rossetti, via Milite Ignoto, via Garibaldi, Via Bottaro, Viale Marconi, via Doria, Piazza del Sole, via dell’Arco e zone immediatamente limitrofe: circolare in stato di ubriachezza; circolare o stazionare detenendo e/o sotto effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope; creare disordini dovuti a tafferugli o risse tra due o più persone; essere soggetto attivo di un reato di pericolo;
  • Al fine di garantire la tranquillità e il riposo dei residenti, fatti salvi gli eventi regolarmente autorizzati dai competenti uffici comunali, a chiunque – compresi gli esercizi pubblici è fatto divieto di emissioni sonore oltre: le ore 01.30 delle serate del venerdì e del sabato; le ore 00.30 tutti i giorni della settimana ad eccezione delle serate del venerdì e sabato.
  • Al fine di garantire la sorveglianza del territorio cittadino attraverso l’utilizzo del sistema di videosorveglianza nelle zone di Piazza Martiri della Libertà, via Tunisia, via Giuncheto, è fatto divieto di utilizzo di coperture mobili delle aree pubbliche, in concessione e connesse alle attività commerciali dalle ore 18 di ogni giorno della settimana, ad eccezione di giornate con particolari condizioni meteo avverse, anche non oggetto di segnalazione da parte del competente ufficio Regionale di Protezione Civile.

Si legge sulla prima ordinanza: "Fermo restando l'applicazione delle sanzioni penali e amministrative previste da leggi e regolamenti, la violazione della presente ordinanza comporta l'applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria di una somma da euro 100 ad euro 300".

L'ordinanza anti alcol

Una seconda ordinanza riguarda l'alcol. Sino al 31 agosto, con validità nei giorni festivi e prefestivi nonché il mercoledì e il venerdì anche se feriali, sono
disposte le seguenti misure:

  • Su tutto il territorio comunale, dalle ore 20.00 e sino alle ore 06.00 del giorno successivo, su aree pubbliche e nell’ambito dei gruppi giovanili, è fatto divieto di circolare trasportando bevande alcoliche in contenitori, siano essi sigillati, chiusi o aperti, di vetro, plastica, alluminio, lattine o tetrapack.
  • Gli eventuali detentori, anche a seguito di semplice invito degli agenti di Polizia, saranno tenuti all’immediato smaltimento dei contenitori unitamente ai liquidi negli stessi contenuti.
  • Le prescrizioni di cui ai punti precedenti non operano riguardo a confezioni regalo, imballaggi originali e/o sacchetti portabottiglie idoneamente chiusi e sigillati, destinati al consumo domestico e bottiglie di acqua esclusivamente in contenitore di plastica (no vetro).
  • Su tutto il territorio comunale, dalle ore 20.00 e sino alle ore 06.00 del giorno successivo è fatto divieto di vendita per asporto in qualsiasi tipo di contenitore delle bevande alcoliche da parte delle seguenti attività: attività di somministrazione; esercizi di vicinato; medie e grandi strutture di vendita; attività artigianali. 

Per i trasgressori sono previste multe fino a 400 euro in forma ridotta: "ferme restando le più gravi sanzioni applicabili ai sensi delle disposizioni legislative vigenti".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Santa Margherita, stretta sulla movida: niente alcol da asporto, stop a bivacchi e mendicanti

GenovaToday è in caricamento