Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca Multedo / Via Antica Romana di Pegli

Omicidio di Pegli, l'appello per Miciù, il gatto di Giuseppina: «Cerca casa»

Dopo la tragedia che si è consumata nelle mura dell'appartamento di via Antica Romana di Pegli, il gatto rosso della coppia è rimasto senza padroni, accudito soltanto da una vicina di casa

E’ rimasto solo lui, ricordo di quella famiglia spezzata da tante tragedie, e adesso cerca casa: Miciù, il gatto di Giuseppina Minatel, la pensionata 76enne uccisa dal marito Giuseppe Sfragaro in un raptus di gelosia, non ha più nessuno da cui farsi accudire, e adesso i vicini di Giuseppina hanno lanciato un appello affinché il micio possa trovare una nuova casa.

Il gatto, un maschio rossi di 9 anni, la notte della lite che ha portato alla morte della sua padrona si è nascosto nell’appartamento di via Antica Romana di Pegli che i coniugi condividevano da anni, e da allora se n’è occupata una vicina della coppia. Sfragaro e la Minatel hanno infatti solo parenti molto anziani, tra cui una sorella di Giuseppina che soffre di Alzheimer e non è in grado di occuparsene. Il micio era stato preso dal figlio Marco, la cui scomparsa, avvenuta nel 2012 per annegamento, aveva gettato i due coniugi in un baratro di disperazione e continue recriminazioni. Una situazione esplosiva che la notte del  26 luglio ha portato al tragico epilogo. 

«E’ un gatto molto buono, e da quando la sua padrona non c’è più è rimasto nell’appartamento, spaventato - spiega una volontaria che si è presa a cuore il caso di Miciù - Ora se ne sta occupando una vicina, ma è una situazione che non può andare avanti per troppi giorni». Chi volesse adottare il micio, può contattare il numero 3480621392.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di Pegli, l'appello per Miciù, il gatto di Giuseppina: «Cerca casa»

GenovaToday è in caricamento