rotate-mobile
Cronaca Lagaccio

Il comitato contro la funivia per forte Begato lancia la protesta a Tursi

Mercoledì 19 ottobre alle ore 14:30 si svolgerà una commissione consiliare per approfondire il progetto, il comitato 'Con i piedi per terra' ha annunciato un presidio

Mercoledì 19 ottobre 2022 si svolgerà a palazzo Tursi una commissione consiliare sul progetto della funivia del Lagaccio, opera che dovrebbe collegare mare e monti, da via Fanti d'Italia, di fronte a stazione Marittima, fino alla collina, e che sarà finanziata interamente dai fondi Pnrr.

Il comitato No Funivia-Con i piedi per terra ha chiamato a raccolta i cittadini contrari al progetto lanciando un presidio di protesta sotto palazzo Tursi, tra le ore 14:30 e le ore 17. "Facciamo sentire la nostra voce - si legge nel volantino - per dire no a quest'opera inutile e dannosa". Da tempo i residenti del Lagaccio protestano contro un progetto che reputano troppo impattante per il quartiere, nei mesi scorsi hanno organizzato assemblee e anche un corteo.

Nelle scorse settimane il tema era stato discusso, con polemiche tra maggioranza e opposizione, anche in consiglio comunale, dove era stata annunciata proprio una commissione consiliare per approfondire il progetto.

Coppola (Lista Rossoverde): "Il Comune teme il confronto"

In vista della commissione è intervenuta anche Francesca Coppola, consigliera municipale del Centro Est, che ha attaccato la giunta: "Sono passati mesi da quando è iniziato il dibattito sul progetto della Funivia sul Lagaccio ma da allora l’amministrazione è silente. Non parla e non comunica con i cittadini, se non attraverso dei render pubblicati sulla stampa locale. Non è corretto non informare la cittadinanza su una trasformazione urbana così importante".

"Dopo quarantuno giorni dalla determina di aggiudicazione del dialogo competitivo - prosegue Coppola - le uniche informazioni che abbiamo arrivano da voci di corridoio come per esempio 'la stazione per il Lagaccio sarà ai campi in via Bartolomeo Bianchi', o dall’interpretazione dei render usciti non sul sito ufficiale del Comune ma esclusivamente tramite riviste locali. Nonostante la richiesta di informazioni e di accesso agli atti, non ci è dato sapere nulla. Unica data certa è l’incontro del 19 ottobre dove parteciperemo per avere un po’ di luce su un progetto di 34 milioni, continuamente oscurato".

"Come spesso ricordato e come dimostrato, ormai da tantissimi studi - continua la consigliera Coppola - la partecipazione dei cittadini in progetti con importanti trasformazioni urbane permette esattamente di evitare situazioni di forte conflitto. La Giunta continua a parlare di includere associazioni e cittadini nella partecipazione dopo il progetto preliminare, immaginando la partecipazione come uno sportello del vorrei, mi piacerebbe. La partecipazione è uno strumento indispensabile per costruire insieme la città del domani, che genera consenso e senso d'appartenenza, diminuendo fortemente il rischio di abbandono e rifiuto dei progetti. Un percorso lungo, fatto di incontri e tavoli di lavoro, che il Comune ha conosciuto molto bene, ad esempio con il progetto del Parco Gavoglio, un progetto innovativo, sostenibile ed inclusivo. Viene spontaneo da domandarsi - conclude - perché non si continua sulle buone pratiche del nostro territorio e si decide di agire da soli? Solitamente succede quando si ha paura del confronto con gli abitanti".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il comitato contro la funivia per forte Begato lancia la protesta a Tursi

GenovaToday è in caricamento