menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maltempo Genova: mezzo metro di neve in Val d'Aveto

Ha imbiancato tutto l'entroterra della provincia di Genova e la neve caduta è stata davvero tanta soprattutto in alta Val Trebbia e alta Valle Scrivia, dove in quota ha raggiunto i 30 centimetri e in Val d'Aveto dove il manto ha toccato il mezzo metro

Genova - Ha imbiancato tutto l'entroterra della provincia di Genova e la neve caduta è stata davvero tanta soprattutto in alta Val Trebbia e alta Valle Scrivia, dove in quota ha raggiunto i 30 centimetri e in Val d'Aveto dove nelle zone più elevate il manto ha toccato il mezzo metro. Per conoscere le norme comportamentali in caso di neve clicca qui.

La Provincia di Genova, su indicazione delle tre pattuglie notturne della viabilità che controllano il territorio, ha subito fatto entrare in azione gli spazzaneve, coordinati dal commissario Piero Fossati con lo staff della direzione viabilità, «in tutte le zone dove i nostri uomini hanno segnalato - dice Fossati – la necessità e l'urgenza degli sgomberi delle carreggiate. Questo sistema ci consente interventi mirati per  mantenere efficienti i collegamenti principali sulla nostra rete stradale, nei limiti di quanto di consentono i drastici tagli alle risorse della spending review».

Alla neve (meno abbondante in alta Val Polcevera e Valle Stura le temperature rigide aggiungono il rischio del gelo e per questo la Provincia mantiene mobilitati anche i mezzi spargisale che continuano a battere le carreggiate contro il ghiaccio. Transitabili tutte le principali arterie della viabilità provinciale e anche quasi tutte quelle secondarie perché al momento sono chiuse l’ultima parte della provinciale del Faiallo, a mille metri di quota tra la valle Stura e l’entroterra savonese e della provinciale 72 di Alpepiana in Val d'Aveto.

«Sono due fra i tratti montani senza abitazioni né attività commerciali o produttive e tutti con possibilità di percorsi alternativi - ricorda il commissario - inseriti nel programma provinciale, concordato con gli altri enti locali e imposto dai pesantissimi tagli al bilancio - che per concentrare gli interventi di uomini e mezzi sulle direttrici principali, vengono sgomberati dopo le arterie più frequentate ed essenziali per i collegamenti delle vallate».

La Provincia ricorda l'obbligo di avere sempre nel bagaglio le catene sino al 31 marzo prossimo su tutte le strade provinciali dell'entroterra e dell'Appennino.

«Una misura necessaria - dice Fossati - per aumentare la sicurezza della viabilità e non ostacolare, con veicoli senza catene bloccati sulle carreggiate, il passaggio dei mezzi di soccorso ed emergenza e gli interventi degli spazzaneve e spargisale. L'obbligo delle catene a bordo resta anche con pneumatici da neve, utilissimi ed efficaci sul manto bianco, ma non altrettanto, addirittura meno delle gomme tradizionali, in caso di ghiaccio che oggi purtroppo è segnalato in molte zone dell'entroterra».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento