menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Neve a Genova e provincia, 40 centimetri nelle valli Stura e Trebbia

In attesa di conoscere le decisioni sull'apertura delle scuole martedì 12 febbraio 2013, proseguono in tutte le vallate gli interventi degli spazza neve della Provincia di Genova, in azione dalle 4 della notte scorsa

Genova - In attesa di conoscere le decisioni sull'apertura delle scuole martedì 12 febbraio 2013, proseguono in tutte le vallate gli interventi degli spazza neve della Provincia di Genova, in azione dalle 4 della notte scorsa, perché sul territorio, dove sino alle 13 continuava a nevicare abbondantemente, il manto supera i 40 centimetri nelle valli Stura e Orba e raggiunge la stessa altezza in Val Trebbia, toccando i 30 in alta Valpolcevera e anche in Val d’Aveto (dove per tutta la mattinata ci sono state “vere tormente di neve” dicono i tecnici provinciali).

Sgomberi in corso su molte provinciali  - 226 della Valle Scrivia, 8 di Vobbia, 9 di Crocefieschi, 10 di Savignone, 11 di Valbrevenna e 12 di Nenno - anche in Valle Scrivia (dove sono finora una quindicina i centimetri di neve caduti), in alta Val Bisagno, Val Fontanabuona, Graveglia e Sturla - con spazzaneve sulle provinciali 26 della Val Graveglia, 42 di Romaggi e 88 di Montedomenico - sul ponente compresa la costa, nel Golfo Paradiso e nel Tigullio (con interventi degli spazzaneve sulle provinciali 34 di Cogorno, 45 di Santa Giulia, 55 di Moneglia, 68 del Facciù, 523 della Val Petronio e 44 di Santa Vittoria di Libiola). In tutto l'entroterra le temperature sono rigidissime e per questo anche gli spargisale, entrati in azione già nel pomeriggio di ieri, continuano a battere le carreggiate contro il pericolo del ghiaccio.

Tutte finora transitabili le principali arterie della viabilità provinciale e gran parte di quelle secondarie, con chiusure programmate – per concentrare l'azione di uomini e mezzi sulle maggori direttrici di collegamento delle vallate – di alcuni tratti montani senza abitazioni e con possibilità di percorsi alternativi: sono l'ultima parte della provinciale del Faiallo (già chiusa dalle 21 di ieri) a mille metri di quota tra la valle Stura e l'entroterra savonese, la 76 di Olbicella a Tiglieto dopo il primo chilometro, le provinciali 72 di Alpepiana e 75 del Penna in Val d’Aveto e la 21 di Neirone (dalla località Giassina verso il passo del Portello e la Val Trebbia). La Provincia raccomanda la massima prudenza e attenzione alla guida e ricorda che su tutte le strade dell’entroterra è sempre in vigore l’obbligo invernale delle catene a bordo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento