Concerto estrema destra e presidio antifascista a Nervi: niente scontri

Circa 200 militanti di Lealtà e Azione hanno partecipato al concerto organizzato dal gruppo di estrema destra in un locale della passeggiata Anita Garibaldi. Contemporaneamente una cinquantina di persone hanno invece preso parte al presidio antifascista organizzato dai Resistenti di piazza Pittaluga

Circa 200 militanti di Lealtà e Azione hanno partecipato ieri sera, sabato 14 aprile 2018, al concerto organizzato dal gruppo di estrema destra al New Chandra, un locale della passeggiata Anita Garibaldi a Nervi. Contemporaneamente una cinquantina di persone hanno invece preso parte al presidio antifascista organizzato dai Resistenti di piazza Pittaluga, tra loro anche il senatore di Leu Stefano Quaranta e il consigliere regionale del Pd Giovanni Lunardon. Non ci sono stati scontri tra i due gruppi e la situazione è rimasta tranquilla nel corso della serata.

Il comunicato dei Resistenti di piazza Pittaluga

I Resistenti di piazza Pittaluga, in serata, hanno emesso un comunicato in cui hanno spiegato: «Abbiamo tenuto Piazza Pittaluga con il nostro presidio costringendo Lealtà e Azione a raddoppiare il loro servizio d'ordine privato. Li abbiamo "costretti" ad arrivare al luogo del raduno passando fogna da stradine secondarie scortati dalla polizia. Li abbiamo costretti a restare bloccati in un breve tratto della passeggiata e evitato che girassero per il nostro quartiere. Onestamente, però, anche questa volta eravamo pochi. Tante adesioni a parole, ma siamo tristi per la reazione di Anpi e Cgil. Noi c'eravamo a creare una piccola diga al fascismo e al nazismo. Noi ci siamo. Agli altri chiediamo perché non c'erano».

Il comunicato della Cgil

Anche la Cgil ha emesso un comunicato contro il concerto: «Per la seconda volta in pochi mesi Nervi è stata scelta come luogo di raduno di gruppi che si ispirano a deliri xenofobi e nazisti. È evidente come il motivo di una serata musicale in un locale privato sia solo un pretesto per mascherare una vera e propria provocazione, avvallata dal fatto che si è organizzato l'arrivo di decine di naziskin dalla Lombardia. Non può sfuggire come il tutto avviene a pochi giorni dal 25 Aprile, anniversario della Liberazione dall'invasione nazista e dai loro servi fascisti. La Camera del Lavoro metropolitana di Genova non può che ribadire la propria assoluta indignazione e contrarieta' al fatto che qualunque luogo della nostra città sia utilizzato da questi personaggi e conferma piena ed assoluta solidarietà al  Comitato di residenti di Piazza Pittaluga che hanno indetto un pacifico presidio per esprimere il loro rifiuto ad accogliere nel loro quartiere eventi del genere». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Speciale Rai su De André, piovono le critiche e il figlio Cristiano "punge" gli autori

  • Accasciato sul volante, passante dà l'allarme ma è troppo tardi

  • Peggioramento in arrivo: l'allerta meteo diventa arancione

  • Allerta meteo, fulmine spegne la Lanterna. Neve e frane nell'entroterra

  • Incidente in fabbrica a Prà’, muore 26enne

  • I migliori eventi del weekend a Genova e dintorni: Salone del Cioccolato, Dog Show, StraGenova e tanto altro

Torna su
GenovaToday è in caricamento