Nervi, timori per il mare “fosforescente”. Arpal: «Niente di pericoloso»

Acqua di un verde molto intenso è stata avvistata mercoledì mattina all'altezza del Castello: tutta "colpa" di alcune rilevazioni di Mediterranea delle Acque

Ha suscitato grande curiosità, e in alcuni casi anche preoccupazione, il bizzarro colore dell’acqua avvistato mercoledì mattina lungo la passeggiata Anita Garibaldi di Nervi, all’altezza del Castello: un verde molto intenso, praticamente fosforescente, che ad alcuni residenti ha fatto temere per la presenza di sostanze inquinanti.

In realtà, come confermato anche da Arpal, si tratta di fluorescina, sostanza utilizzata solitamente da aziende idriche e amministrazioni per rilevare eventuali perdite o rilevare corsi d’acqua altrimenti difficili da rintracciare. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questo colorante, attivo anche se molto diluito, reagisce infatti a contatto con l’acqua, illuminandosi del caratteristico colore verde. E proprio in mattinata in zona Nervi erano in atto rilevazioni da parte di Mediterranea delle Acque, che hanno resto necessario l’utilizzo della fluorescina. Che non rappresenta un rischio né dal punto di vista dell’inquinamento né da quello della tossicità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Passano la notte insieme in albergo, al mattino sul conto di lei mancano 750 euro

  • Meteo: la perturbazione cambia traiettoria, modificati gli orari dell'allerta

  • A settembre su Sky la serie con Paola Cortellesi, ambientata a Genova

  • Ritrovato dopo otto anni un giovane scomparso da Roma

  • L'Amerigo Vespucci arriva a Genova

  • Nuovo ponte, Bucci: «Asfalto in arrivo da basso Piemonte non può stare 4 ore in coda»

Torna su
GenovaToday è in caricamento