rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca Marassi / Via Edera

Neonato morto a Quezzi, il 'santone' non risponde al giudice

Il 34enne, accusato di aver circonciso il neonato, poi deceduto in un'abitazione di Quezzi, è stato sentito a Imperia. Mamma e nonna sono attese oggi davanti al giudice

Ieri mattina a Imperia è stato sentito dal gip Osas Okundaye, il nigeriano di 34 anni accusato di aver circonciso il neonato, morto in via Edera a Quezzi lo scorso 2 aprile. L'uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere. Era stato fermato a Ventimiglia mentre cercava di andare in Francia con la famiglia.

Oggi sono attese davanti al giudice la nonna e la mamma del piccolo, Katherine Aigbodion, 45 anni, e Maris Anetor di 25 anni. Secondo quanto ricostruito finora, l'intervento è stato eseguito la mattina di martedì 2 aprile. Solo intorno alle 3 della notte successiva, le due donne hanno chiesto l'intervento dei soccorsi, dopo che il bimbo aveva continuato a perdere sangue.

Okundaye le aveva rassicurate, dicendo di utilizzare una crema cicatrizzante, ma intanto aveva preparato le valigie e si era messo in viaggio nel tentativo di allontanarsi più possibile da Genova. L'autopsia, di cui è stato incaricato ieri il medico Francesco Ventura, tenterà di fare luce sulle cause di questa drammatica morte.

Le due donne e l'uomo che ha praticato la circoncisione sono accusati di omicidio preterintenzionale, il 34enne anche di esercizio abusivo della professione medica.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Neonato morto a Quezzi, il 'santone' non risponde al giudice

GenovaToday è in caricamento